mercoledì 07 dicembre | 17:32
pubblicato il 27/ago/2012 05:10

L. elettorale/ Pdl-Pd in cerca intesa. "Ma no grande coalizione"

Alfano: Voto fra sei mesi. Di Pietro: riforma voto superporcata

L. elettorale/ Pdl-Pd in cerca intesa. "Ma no grande coalizione"

Roma, 27 ago. (askanews) - In campo per vincere. Dopo il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, anche quello del Pdl, Angelino Alfano cerca, con un'intervista al Corriere della Sera di ieri, di sgombrare il campo dall'idea che i partiti di maggioranza stiano trattando, a cominciare dalla legge elettorale, per dare vita a una grande coalizione. "Noi - sottolinea l'ex Guardasigilli - corriamo per vincere e governare. Io credo che gli elettori debbano avere chiara l'alternativa tra due modelli, senza trucco e senza inganno". E proprio come Bersani, anche Alfano sbianchetta l'ipotesi di un voto anticipato a novembre. Non c'è "nessun automatismo" spiega, tra il varo della legge elettorale e il voto che, osserva, si terrà tra "sei mesi". Il segretario del Pdl si conquista così il plauso di quella parte del partito, ex An in testa, a cui viene l'orticaria anche solo a sentir parlare di grande coalizione, come Maurizio Gasparri o Giorgia Meloni. Di fatto, nei ragionamenti di Silvio Berlusconi, questa ipotesi non è stata ancora scartata del tutto ma la parola d'ordine nel partito dell'ex premier è evitare di presentarsi agli elettori con una prospettiva di questo tipo che di certo non capirebbero. Al massimo se ne parlerà dopo il voto. Quanto alla discesa in campo del Cavaliere tocca a Roberto Formigoni spiegare che ci sta riflettendo, che deciderà in autunno ma che è in "gran forma" e il suo impegno in prima persona è "probabile". Questa d'altra parte potrebbe essere una settimana decisiva per le sorti della legge elettorale. Mercoledì si riunirà il comitato ristretto della commissione Affari istituzionali del Senato ma nei prossimi giorni, così come del resto in quelli precedenti, gli sherpa dei partiti di maggioranza (Verdini per il Pdl, Migliavacca per il Pd e Cesa per l'Udc) continueranno i loro contatti. L'ipotesi a cui si lavora è quella di un sistema di tipo proporzionale con premio al primo partito del 15% e un sistema di scelta dei parlamentari misto tra collegi e listino bloccato. Un'ipotesi su cui è tornato a tuonare Antonio Di Pietro. L'intesa a cui si sta lavorando, dice, è una "superporcata" un "insulto alla democrazia" fatta apposta perché gli elettori non sappiano quali alleanze ci saranno dopo il voto. Accuse che il leader Idv rivolge direttamente anche al segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, allargando ancora di più il solco tra i due partiti. "Di Pietro sa solo insultare" e "la distanza è ormai incolmabile" gli replica Davide Zoggia della segreteria democratica. Ma anche tra Pdl e Udc continuano le schermaglie pre elettorali. Il capogruppo del partito di Berlusconi alla Camera, Fabrizio Cicchitto, chiede in una nota come possa Casini non sentirsi un "alieno" nell'alleanza con il Pd ancora attaccato, attraverso una "linea rossa", a un percorso che parte da Gramsci e Togliatti e arriva ai democratici e Sel.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni