domenica 04 dicembre | 09:44
pubblicato il 26/ago/2012 05:11

L. elettorale/ Partiti cercano intesa, ma accordo ancora non c'è

Bersani: "Accordo non dipende solo da noi".Cicchitto: 'possibile'

L. elettorale/ Partiti cercano intesa, ma accordo ancora non c'è

Roma, 26 ago. (askanews) - I partiti sembrano ancora alla ricerca di un'intesa per la nuova legge elettorale, ma il continuo batti e ribatti di questi giorni sembra non voler finire. Ieri è toccato al segretario del Pd, Pierluigi Bersani, portare avanti il gioco dei rinfacci. "Vedo francamente - ha detto inaugurando la festa Democratica a Reggio Emilia - la possibilità, e la vedevo già a luglio, di una nuova legge elettorale che cancelli il Porcellum, ma questo non dipende solo da noi. Lo vedremo nelle prossime ore". Una linea di poco diversa da quella di Fabrizio Cicchitto, che a nome del Pdl ha annunciato che "la soluzione è vicina, ma ancora non c'è". Chiarissimi i punti di distacco: per Cicchitto bisogna definire "se il premio andrà al primo partito, come chiediamo noi del Pdl, o alla coalizione, come vuole il Pd, e di che entità sarà, se del 10% o del 15%. Poi, preferenze o collegi oppure una soluzione intermedia tra queste due ipotesi? E infine un terzo dei parlamentari va scelto dai partiti con i listini bloccati". Anche per Bersani "chiari" paletti: "la sera delle elezioni lì il mondo deve sapere che in Italia c'è qualcuno che può governare" oltre alle condizioni sul premio di maggioranza, "se no - ha detto - arriva lo tsunami". Nel mezzo l'Udc, che, seppur minoritario in maggioranza, fa sentire la propria voce, sottolineando, con il parlamentare 'semplice' De Poli, che "il Parlamento non è un passacarte. Si voti liberamente sulle preferenze e ciascuno si assuma le sue responsabilità"". Ovvero, 'per fare una legge elettorale servono anche i nostri voti, e non saranno gratis'. I nodi potrebbero essere in via di scioglimento già mercoledì, quando dovrebbe riunirsi il comitato ristretto della commissione Affari costituzionali del Senato, che ha il compito di redigere il testo base di riforma della legge elettorale. Condizionale d'obbligo, perchè se le segreterie non avranno trovato un accordo, che soddisfi in più i desiderata anche del Quirinale, i senatori non avranno altro da fare che aggiornarsi ai primi di settembre. In realtà, 'tempus fugit' non è un motto che spaventi la politica, anzi, di questi tempi meglio aspettare. "Non c'è nessun automatismo", ha detto Bersani, tra la nuova legge elettorale e il voto anticipato. "Il problema - ha aggiunto il segretario - è avere la nuova legge elettorale, ma se si fa una legge elettorale nuova non c'è nessun automatismo rispetto all'andare a votare subito". "E' chiaro - ha aggiunto - che di fronte ai mesi che abbiamo davanti, essere attrezzati è doveroso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari