martedì 24 gennaio | 23:16
pubblicato il 11/gen/2012 05:10

L. elettorale/ Consulta decide oggi se ammettere i referendum

La sentenza attesa in giornata o al massimo giovedì

L. elettorale/ Consulta decide oggi se ammettere i referendum

Roma, 11 gen. (askanews) - Saranno gli affreschi pompeiani della sala maggiore del palazzo della Consulta i testimoni del futuro della legge elettorale italiana, comunemente definita 'porcellum'. E' in quella sala che da questa mattina i 15 giudici costituzionali si riuniranno in camera di consiglio per stabilire se il referendum abrogativo proposto dal Comitato guidato da Arturo Parisi e Andrea Morrone è ammissibile o meno. Quello all'esame della Consulta, però, è un caso senza precedenti: in passato, infatti, i referendum in materia di legge elettorale sono stati sempre manipolativi, cioè cambiavano parti precise della legge in vigore, lasciando in vita un sistema di voto valido. In questo caso, invece, si tratta di un referendum abrogativo, per cui in sostanza gli alti giudici dovranno stabilire la possibilità di un eventuale ritorno al 'Mattarellum' una volta abrogato il 'porcellum'. Ecco perchè gli occhi del mondo politico sono puntati su piazza del Quirinale dove, a norma di legge, i giudici della Consulta dovranno valutare anzitutto se la richiesta referendaria è ammissibile o meno, verificando le condizioni di chiarezza, omogeneità e non contradditorietà dei quesiti e anche la matrice unitaria della richiesta. Due, infatti, sono i quesiti presentati: il primo chiede l'abrogazione totale della legge elettorale 'Calderoli', che ha introdotto il sistema maggioritario con un forte premio di maggioranza e liste bloccate. Il secondo chiede invece di abrogare le modifiche introdotte dal cosiddetto 'porcellum' con l'obiettivo di lasciare intatte le norme del 'Mattarellum' che, ad avviso del Comitato promotore, potrebbero rivivere. Il giudizio, come da prassi, avverrà in camera di consiglio. Prima di iniziare, gli avvocati dei comitati promotori terranno le loro conclusioni, sostenendo l'ammissibilità dei referendum e ribadendo le memorie già presentate alla Corte. Dopo queste esposizioni, si allontaneranno dalla camera di consiglio e i 15 giudici decideranno con un 'si' o un 'no' sull'ammissibilita della richiesta. Il verdetto potrebbe arrivare nella stessa giornata di oggi o slittare a giovedì mattina. Fra le note di colore, bisogna sottolineare che tra i giudici che stabiliranno l'ammissibilità dei referendum c'è anche Sergio Mattarella, avvocato, eletto dal Parlamento nell'ottobre 2011, colui che scrisse la legge elettorale che potrebbe tornare in vigore in caso di esito positivo del referendum.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4