lunedì 05 dicembre | 11:50
pubblicato il 18/gen/2014 12:00

Kyenge: Non sono io il bersaglio ma la democrazia

E' in pericolo la libertà di partecipare ed esporre proprie idee

Kyenge: Non sono io il bersaglio ma la democrazia

Milano, 18 gen. (askanews) - Il ministro per l'integrazione Cecile Kyenge non si sente un "bersaglio" ma in pericolo è "la democrazia". Interrogata sull'argomento al suo arrivo a Palazzo Reale per il lancio di un programma per l'integrazione dei Rom e dei Sinti, il ministro ha affermato che "il bersaglio casomai è la democrazia. Ho sempre detto che a essere in pericolo è la democrazia" e "la libertà per ogni persona di partecipare, di poter parlare ed esporre le proprie idee senza correre nessun pericolo". Kyenge ha poi affermato di non aver bisogno di un rafforzamento della scorta: "Sono sicura così", si è limitata a replicare a chi gli ha fatto una domanda sul tema.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari