giovedì 19 gennaio | 01:52
pubblicato il 18/gen/2014 12:00

Kyenge: Non sono io il bersaglio ma la democrazia

E' in pericolo la libertà di partecipare ed esporre proprie idee

Kyenge: Non sono io il bersaglio ma la democrazia

Milano, 18 gen. (askanews) - Il ministro per l'integrazione Cecile Kyenge non si sente un "bersaglio" ma in pericolo è "la democrazia". Interrogata sull'argomento al suo arrivo a Palazzo Reale per il lancio di un programma per l'integrazione dei Rom e dei Sinti, il ministro ha affermato che "il bersaglio casomai è la democrazia. Ho sempre detto che a essere in pericolo è la democrazia" e "la libertà per ogni persona di partecipare, di poter parlare ed esporre le proprie idee senza correre nessun pericolo". Kyenge ha poi affermato di non aver bisogno di un rafforzamento della scorta: "Sono sicura così", si è limitata a replicare a chi gli ha fatto una domanda sul tema.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina