martedì 17 gennaio | 10:20
pubblicato il 18/gen/2014 12:00

Kyenge: cittadinanza non è solo percorso giuridico ma culturale

"Cittadinanza civica" a 40 bambini stranieri. Presidio leghista

Kyenge: cittadinanza non è solo percorso giuridico ma culturale

Osnago (Lecco), 18 gen. (askanews) - "La cittadinanza è un percorso che non deve riguardare solo l'aspetto giuridico ma è un processo culturale. Per far capire a chi viene da un'altra terra o chi è nato qui che appartiene di fatto alla nostra comunità. Anche questa è educazione civica". Lo ha affermato il ministro per l'integrazione Cécile Kyenge, che ha partecipato alla cerimonia per il conferimento della "cittadinanza civica" di Osnago a una quarantina di bambini stranieri residenti nel comune del Lecchese. Secondo Kyenge, la cittadinanza onoraria fa capire alle persone che arrivano nel nostro Paese che anche loro vi appartengono. Bisogna concentrarsi, ha detto, sulla "possibilità di una accoglienza diversa, sulla lotta alla dispersione scolastica, in un progetto che diventa una buona pratica che può essere facilmente esportata sul territorio. E' su questo che bisogna cercare di allungare lo sguardo, non su chi ha diritto e chi non ha diritto". A consegnare gli attestati di cittadinanza civica, il sindaco di Osnago Paolo Strina, che ha auspicato che il parlamento possa accogliere le richieste di molti comuni di poter contare su tutta la comunità per "mettere in moto le energie migliori" della società. Ed è ai sindaci che si è appellata Kyenge, per "una maggiore attenzione ai progetti europei, che vengono presentati dal ministero. Ci arrivano moltissimi fondi dall'Europa e spesso ne restituiamo la metà". Vanno utilizzati meglio, ha detto, ricordando che sono soldi che i cittadini hanno versato. "Dirigere questo Paese - ha aggiunto - vuol dire avere un approccio di pari opportunità, avere una visione ampia; le diversità devono essere una ricchezza e non un motivo di scontro". Kyenge ha quindi affermato di aver subito "sei mesi di attacchi e insulti, ma quando vedo i bambini sorrido: dobbiamo essere capaci di guidarli, l'educazione civica deve essere la normalità. Ho visitato tantissime scuole con migranti e italiani. Molte volte è passata l'idea che il ministro si occupa solo di migranti. Ma se guardiamo i bambini - ha detto - io non vedo la loro origine, vedo delle persone che devono essere al centro della politica". A circa duecento metri dalla Sala civica dove si è svolta la manifestazione una trentina di leghisti hanno protestato contro le politiche del ministro. "Con la Kyenge, stranieri in casa nostra", recitava uno striscione. E su un altro: "Clandestinità = reato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello