mercoledì 18 gennaio | 17:06
pubblicato il 02/ago/2013 12:00

Kyenge/ Boldrini: L'intolleranza genera mostri, dobbiamo opporci

C'è sempre alternativa all'odio

Kyenge/ Boldrini: L'intolleranza genera mostri, dobbiamo opporci

Bologna, 2 ago. (askanews) - "L'intolleranza genera mostri e a quei mostri dobbiamo sempre opporre il senso alto della nostra civiltà rifiutando la provocazione". Lo ha detto il presidente della Camera, Laura Boldrini, nel suo intervento alla cerimonia per l'anniversario della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980. Tornando sulle offese dell'ex ministro della Lega, Roberto Calderoli, al ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge, ha aggiunto: "C'è sempre un'alternativa all'odio". "Possiamo veramente pensare che il nostro Paese sia davvero pacificato con se stesso, con la propria storia, se ancora oggi ci sono rappresentanti delle istituzioni che offendono, umiliano e deridono una donna nera che fa bene il suo mestiere di ministro?", ha spiegato Boldrini. "Come è possibile?", ha aggiunto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani chiude sfilate
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina