sabato 21 gennaio | 21:15
pubblicato il 30/lug/2013 18:52

Kyenge: ''contro di me attacchi intollerabili, Maroni fermi i leghisti''

Kyenge: ''contro di me attacchi intollerabili, Maroni fermi i leghisti''

(ASCA) - Roma, 30 lug - Gli attacchi delle ultime settimane espressi dalla Lega Nord nei confronti del ministro Kyenge ''sono ormai inaccettabili''. Lo ha detto lo stesso ministro in una dichiarazione letta a margine della presentazione dello schema di piano triennale contro il razzismo. In vista della sua partecipazione alla festa della Lega Nord, su invito di Zaia, il ministro ha chiesto a Maroni ''di fermare i suoi militanti'' altrimenti ''saro' costretta a declinare l'invito a Milano Marittima''. Ieri la Kyenge si era presentata per un dibattito sull'immigrazione al Consiglio comunale di Cantu', ma al momento del suo arrivo i consiglieri del Carroccio hanno lasciato l'aula. ''I continui e reiterati attacchi da parte di esponenti della Lega Nord - ha detto Kyenge - considero oramai intollerabili, atteggiamenti non consoni a quella che per me e' la visione del corretto rapporto tra persone, forze politiche che pur avendo idee diverse, si confrontano sulle idee e non attraverso insulti o pure e semplici sceneggiate come quella avuta ieri presso l'aula consiliare del Comune di Cantu'''. Il ministro dell'Integrazione ha quindi affermato che la sua ''disponibilita' al dialogo e' stata piena e convinta, non rifuggendo a nessun confronto, anche aspro, ma sempre nel pieno rispetto dell'altro. Con questo spirito - ha proseguito Kyenge - ho accettatto volentieri di confrontarmi con il Governatore Zaia alla festa della Lega Nord dell'Emilia Romagna a Milano Marittima il prossimo 3 agosto. Ma ritengo - ha sottolineato il Ministro - che io possa mantenere questo impegno solo se, fin da subito, il segretario nazionale della Lega Nord, Roberto Maroni, fara' appello ai suoi militanti, ai suoi dirigenti, affinche' cessino immediatamente questi continui attacchi alla mia persona, attacchi che oltre a ferire la sottoscritta, feriscono la coscienza civile della maggioranza di questo paese. Se questo non avverra', o se da qui ai giorni che ci separano dall'appuntamento di Milano Marittima continueranno attacchi contro la mia persona di pari virulenza, mi trovero' costretta a declinare l'invito'', ha concluso il ministro dell'Integrazione. E dopo qualche ora e' arrivata la reazione del segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni, il quale, pur non rispondendo alla richiesta del ministro, ha detto di augurarsi che la Kyenge ''venga alla festa della Lega Nord. La chiamero' per confermarle l'invito e per dirle la vera posizione della Lega''. Per il segretario del Carroccio, ''la Lega non fa mai questioni personali ma combatte idee e proposte sbagliate. E quella sullo ius soli non e' una proposta sbagliata, ma sbaglitissima''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4