lunedì 20 febbraio | 05:14
pubblicato il 30/lug/2013 18:52

Kyenge: ''contro di me attacchi intollerabili, Maroni fermi i leghisti''

Kyenge: ''contro di me attacchi intollerabili, Maroni fermi i leghisti''

(ASCA) - Roma, 30 lug - Gli attacchi delle ultime settimane espressi dalla Lega Nord nei confronti del ministro Kyenge ''sono ormai inaccettabili''. Lo ha detto lo stesso ministro in una dichiarazione letta a margine della presentazione dello schema di piano triennale contro il razzismo. In vista della sua partecipazione alla festa della Lega Nord, su invito di Zaia, il ministro ha chiesto a Maroni ''di fermare i suoi militanti'' altrimenti ''saro' costretta a declinare l'invito a Milano Marittima''. Ieri la Kyenge si era presentata per un dibattito sull'immigrazione al Consiglio comunale di Cantu', ma al momento del suo arrivo i consiglieri del Carroccio hanno lasciato l'aula. ''I continui e reiterati attacchi da parte di esponenti della Lega Nord - ha detto Kyenge - considero oramai intollerabili, atteggiamenti non consoni a quella che per me e' la visione del corretto rapporto tra persone, forze politiche che pur avendo idee diverse, si confrontano sulle idee e non attraverso insulti o pure e semplici sceneggiate come quella avuta ieri presso l'aula consiliare del Comune di Cantu'''. Il ministro dell'Integrazione ha quindi affermato che la sua ''disponibilita' al dialogo e' stata piena e convinta, non rifuggendo a nessun confronto, anche aspro, ma sempre nel pieno rispetto dell'altro. Con questo spirito - ha proseguito Kyenge - ho accettatto volentieri di confrontarmi con il Governatore Zaia alla festa della Lega Nord dell'Emilia Romagna a Milano Marittima il prossimo 3 agosto. Ma ritengo - ha sottolineato il Ministro - che io possa mantenere questo impegno solo se, fin da subito, il segretario nazionale della Lega Nord, Roberto Maroni, fara' appello ai suoi militanti, ai suoi dirigenti, affinche' cessino immediatamente questi continui attacchi alla mia persona, attacchi che oltre a ferire la sottoscritta, feriscono la coscienza civile della maggioranza di questo paese. Se questo non avverra', o se da qui ai giorni che ci separano dall'appuntamento di Milano Marittima continueranno attacchi contro la mia persona di pari virulenza, mi trovero' costretta a declinare l'invito'', ha concluso il ministro dell'Integrazione. E dopo qualche ora e' arrivata la reazione del segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni, il quale, pur non rispondendo alla richiesta del ministro, ha detto di augurarsi che la Kyenge ''venga alla festa della Lega Nord. La chiamero' per confermarle l'invito e per dirle la vera posizione della Lega''. Per il segretario del Carroccio, ''la Lega non fa mai questioni personali ma combatte idee e proposte sbagliate. E quella sullo ius soli non e' una proposta sbagliata, ma sbaglitissima''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia