lunedì 05 dicembre | 14:29
pubblicato il 16/lug/2013 09:16

Kazakistan: Boldrini, compiacenze ed omissioni inaccettabili

Kazakistan: Boldrini, compiacenze ed omissioni inaccettabili

(ASCA) - Roma, 16 lug - ''Colpisce e preoccupa che le autorita' di un Paese'' noto per il mancato rispetto dei diritti umani come il Kazakistan ''possano richiedere e ottenere l'espulsione di alcuni loro concittadini, e conseguente rimpatrio, trovando immediata compiacenza nelle autorita' italiane, senza che venga previamente verificata la posizione delle persone coinvolte e le conseguenze del rimpatrio delle due donne, cosi' come previsto dell'art.19 del Testo unico sull'immigrazione''. E' quanto scrive il presidente della Camera, Laura Boldrini, in un articolo pubblicato su 'l'Unita''. Parlando del caso della moglie e della figlia dissidente kazako Ablyazov, pur ''non entrando nel merito della vicenda'', il presidente Boldrini ha ricordato che ''la sentenza con cui la Corte di Strasburgo ha condannato l'Italia per i respingimenti in alto mare, ha precisato che esiste a carico degli Stati un dovere di verifica delle conseguenze del rinvio verso il Paese di provenienza''.

''Ritengo che anche quando vi sono in gioco interessi economici o politici - ha sottolineato il presidente della Camera - all'autorita' pubblica e all'azione di governo non sia consentito derogare alle norme internazionali sui diritti umani. E' una battaglia culturale da portare avanti, d'altronde - ha aggiunto la terza carica dello Stato - e' nel livello di rispetto di tali diritti la misura della capacita' di un Paese di imporre la propria autorevolezza sulla scena internazionale''.

Il presidente Boldrini ha poi ricordato che durante la sua esperienza all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite ha avuto modo di conoscere ''funzionari di prefettura o della polizia di Stato che con grande responsabilita' e professionalita' affrontavano il difficilissimo compito di valutare le domande di asilo''. Nonostante cio', ha rimarcato il presidente Boldrini, ''l'esperienza dell'espulsione della signora Shalabayeva ci fa pensare che possono permanere nell'amministrazione pubblica comportamenti omissivi e superficiali che devono essere contrastati con vigore''.

Inoltre la vicenda ''ci fa sorgere un interrogativo inquietante: quante altre volte possono essere accaduti episodi analoghi senza che l'opinione pubblica ne fosse informata?''.

brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari