sabato 03 dicembre | 17:24
pubblicato il 05/nov/2014 13:43

Juncker: riposta a Renzi ampiamente condivisa dai Commissari Ue

"Il consenso alle mie parole è stato forse unanime"

Juncker: riposta a Renzi ampiamente condivisa dai Commissari Ue

Roma, 5 nov. (askanews) - Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha rivendicato di avere pieno appoggio del collegio che presiede nella sua reazione polemica ieri, contro le critiche precedentemente rivolte all'esecutivo comunitario dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. "Ho avuto la sensazione che era ampiamente condivisa, se non unanime", ha affermato nella conferenza stampa a seguito della prima riunione della commissione a Bruxelles.

Questo rispondendo a chi gli chiedeva se aveva ricevuto il supporto, nelle sue affermazioni, anche dall'esponente italiana nella Commissione, Federica Mogherini, e da quello britannico (ieri Juncker ha criticato anche il premier Gb Cameron). "Non è che mi metto a chiedere cosa pensino al francese o all'italiano prima di reagire" in situazioni simili, ha affermato Juncker: "la Commissione era stata attaccata e ho riposto".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari