lunedì 16 gennaio | 18:19
pubblicato il 21/nov/2013 17:42

Jfk: 'Da Roma a Dallas', volume Anci-Ifel racconta viaggio in Italia

(ASCA) - Roma, 21 nov - Come ha fatto il mito di John Fitzgerald Kennedy a tramandarsi, intatto e in tutto il mondo, dai giorni della guerra fredda e del Vietnam fino a oggi? E da dove deriva l'impronta di emotivita' che il trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti e' riuscito a lasciare anche tra gli italiani? Nei giorni del cinquantesimo anniversario dell'assassinio di Jfk, una pubblicazione del Centro di documentazione e studi dei Comuni Italiani (Anci-Ifel) e dalla Fondazione Italia-Usa fornisce una risposta plastica e documentata a questi ed altri interrogativi. '''John Fitzgerald Kennedy e l'Italia - Da Roma a Dallas'', un volume realizzato con la collaborazione di Seat Pagine Gialle Italia, ripercorre attraverso immagini e testimonianze il viaggio nel Bel Paese del Presidente Kennedy, nel luglio del 1963, a pochi mesi dalla sua morte. Evidenziando in modo particolare l'accoglienza che i Comuni e le comunita' riservarono al massimo rappresentante degli Stati Uniti. E' il segretario generale dell'Anci, Veronica Nicotra, a sottolineare proprio ''l'importanza del viaggio di Kennedy in Italia e degli incontri con i sindaci e gli esponenti politici dell'epoca''. E se ancora oggi quel ricordo e' vivo tra gli italiani, ''e' perche' Jfk ha rappresentato tutto cio' che di positivo apparteneva per noi agli Stati Uniti - afferma il segretario generale dell'Ifel, Pierciro Galeone - ovvero l'idea di gioventu', di un Paese idealista, capace di cambiare e innovare. Kennedy rappresentava l'idea della difesa della liberta' e della democrazia, l'idea del diritto al futuro''.

Galeone ricorda il legame che il Presidente dimostro' con l'Italia, parlando di quando all'allora sindaco di Roma Kennedy ricordo' di ''rappresentare piu' italiani di quanti ne contasse la Capitale''. Ma il mito di Kennedy rivive anche grazie a chi allora c'era, come lo storico ex direttore dell'Ansa Sergio Lepri, e grazie alla passione di chi, attento studioso di storia contemporanea come il presidente della Fondazione Italia-Usa Lucio D'Ubaldo, ha fortemente voluto ricordare il valore della visita in Italia di Kennedy: ''Quella visita lascio' un segno profondo nella nostra comunita' - spiega D'Ubaldo - e lo dimostra lo straordinario tributo d'affetto che la citta' di Napoli riservo' a Jfk, l'accoglienza di Roma e, non in minor misura, la reazione degli italiani alla notizia del suo assassinio: a Torino in quei giorni c'era il circo americano, e i torinesi andarono a incontrare gli artisti Usa per unirsi al loro dolore. A Trieste venne sospeso il consiglio comunale e a Catania, dove si trovava in visita Igor Stravinskij, il grande musicista dono' ai cittadini una messa di requiem in suo onore''. Nasce anche da qui quella che D'Ubaldo chiama una ''generalizzata e diffusa sensazione di partecipazione collettiva al cordoglio americano'', che si e' trasformata in un dato di fatto: ''Secondo una ricerca condotta dal professor Enzo Caffarelli - ricorda infatti D'Ubaldo - quello di John Fitzgerald Kennedy e' l'odonimo straniero piu' utilizzato in Italia, ovvero il nome straniero in assoluto piu' diffuso con cui i Comuni italiani hanno voluto chiamare le loro vie e le loro piazze''. D'altronde, ricorda ancora D'Ubaldo, ''il rapporto di Jfk con l'Italia non e' tenue, ne' stretto nella camicia di forza della diplomazia internazionale. Kennedy, ad esempio, incontro' Fanfani e gli rivelo di aver letto il suo libro sull'origine del capitalismo, nel quale dimostrava che la teoria di Max Weber a riguardo era erronea: il capitalismo non nasceva in modo naturale all'interno delle culture calviniste o protestanti. Diceva anfani, ma piuttosto nell'Italia dello spirito francescano e del credito senza usura''. E' infine Sergio Lepri, coetaneo di Jfk, a riportare al purezza di quel mito, raccontando di ''aver avuto il privilegio di godere di un'esperienza unica nella storia dell'umanita', gioendo e soffrendo insieme a milioni e milioni di uomini e donne di tutte la parti della Terra e inseguendo il sogno di un mondo senza guerra, personificato da un uomo sul quale si proiettavano le speranze e le attese di tutto il mondo: speranze di pace e attese di giustizia.

Questo per me era Kennedy''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello