domenica 04 dicembre | 09:18
pubblicato il 01/ott/2013 15:47

Iva: M5S Camera, Pdl e Pd pensano ad altro ma per pmi lacrime e sangue

(ASCA) - Roma, 1 ott - ''Berlusconi si preoccupa soltanto dei suoi affari giudiziari, cambia posizione ogni tre ore e intanto ricatta il Paese. Il Pd e' assorbito nella lotta pre-congressuale del ''Renzi contro tutti'. L'informazione si fa usare quale arma di distrazione di massa. E intanto gli italiani e le Pmi del commercio pagano con lacrime e sangue l'aumento dell'Iva''. Lo scrivono in una nota i deputati del M5S.

SebastianoBarbanti, capogruppo del MoVimento in Commissione Finanze, chiosa: ''Il Governo con questo colpo di scena, quasi imprevisto fino a pochi giorni fa, ha mandato all'aria tutto il castello di carte che aveva costruito, un castello basato su qualche sgravio e tanti rinvii. Ora scatteranno le inevitabili clausole di salvaguardia e gli acconti sulle tasse dell'anno prossimo daranno un'ulteriore batosta a imprese e cittadini. Prosegue dunque il massacro dei governi delle tasse e del debito''. ''Fu proprio ilgoverno Berlusconi-Tremonti, con una clausola di salvaguardia, ad aprire, nel 2011, la strada all'aumento dal 20% al 21% - ricordano i deputati M5S -. E l'ex premier ebbe la faccia tosta di dire allora che non c'era problema perche' il rincaro non colpiva i beni di prima necessita'. Monti, successivamente, ha programmato l'aumento dal 21 al 23%, salvo poi dimezzarlo e rinviarlo, lasciando infine il cerino in mano a Letta. Ora - aggiuge il M5S Camera - i partiti di maggioranza hanno deciso di rompere il patto scellerato delle larghe intese al momento giusto. La sceneggiata di Berlusconi ha tolto le castagne dal fuoco al ministro Saccomanni, l'uomo dei poteri forti internazionali che in questo modo non ha bisogno di trovare il miliardo che serviva per bloccare l'aumento della tassa sui consumi per l'ultimo trimestre 2013''. I deputati M5Schiudono: ''La rottura tra Pd e Pdl sembra quasi telecomandata: una manna nella stupida logica dell'austerity che predica piu' tasse per i poveri e favori alle lobby dei soliti noti. Logica che deprime la crescita e dunque, alla fine, non tiene nemmeno a bada i saldi di bilancio in relazione all'ottusita' dei parametri europei deficit/Pil e debito/Pil''.

com-ceg/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari