venerdì 24 febbraio | 18:50
pubblicato il 14/giu/2013 13:33

Iva: Fassina, ragioniamo su come rimandare aumento a gennaio

(ASCA) - Roma, 14 giu - Per quanto riguarda l'aumento dell'Iva in previsione dal primo luglio ''ragioniamo su alcune soluzioni per rimandarlo a gennaio 2014''. Lo ha detto il viceministro dell'Economia e Finanza, Stefano Fassina, intervenendo alla presentazione del 'Rapporto sullo stato sociale 2013' della facolta' di economia dell'Universita' La Sapienza di Roma. ''Ad esempio potremmo prevedere l'aumento di una quota dei pagamenti dello Stato alle immprese di altri 15 miliardi entro il prossimo semestre'', ha indicato il viceministro. ''Si tratta - ha proseguito - di un provvedimento gia' deliberato dal Parlamento e di un debito gia' contratto che fa riferimento a debiti sulla spesa corrente e non ha effetto su l'indebitamento netto che dobbiamo tenere sotto controllo''. Cosi' facendo secondo Fassina ''potremmo utilizzare l'Iva che poi pagheranno le imprese per spostare l'aumento previsto adesso a gennaio 2014'', ha concluso il viceministro.

stt/red/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech