mercoledì 22 febbraio | 07:26
pubblicato il 05/ago/2014 20:24

Italicus: Grasso, rischiarare nostra storia da ombre che la offuscano

(ASCA) - Roma, 5 ago 2014 - ''Ricorre il 40mo anniversario della strage dell'espresso 'Italicus', uno dei tanti atti eversivi rientranti nella cosiddetta 'strategia della tensione' che ancora oggi non trovano risposte. Non possiamo rassegnarci all'idea che questo crimine efferato rimanga senza risposte e senza colpevoli''. Cosi' il presidente del Senato, Pietro Grasso, in una dichiarazione. ''Per questo - aggiunge il presidente Grasso - e' necessario proseguire nella ricerca della verita' avvalendoci delle nuove opportunita' di indagine che la recente declassificazione degli atti relativi alle stragi ci offre''. ''La nostra storia deve essere rischiarata dalle zone d'ombra che ancora la offuscano. Lo dobbiamo alle famiglie delle persone che nella strage persero la propria vita e a coloro che nell'attentato subirono gravi ferite. Ad essi - conclude il Presidente del Senato - rinnovo la mia vicinanza e formulo l'augurio che possa essere soddisfatta la loro sete di verita' e giustizia''. com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia