lunedì 27 febbraio | 17:23
pubblicato il 20/set/2016 19:10

Italicum, Pd lavora a mozione senza dettagli.Minoranza non ci sta

Solo un impegno a verificare la possibilità di una modifica

Italicum, Pd lavora a mozione senza dettagli.Minoranza non ci sta

Roma, 20 set. (askanews) - Niente riferimenti all'Italicum e nemmeno indicazioni sulla possibile nuova legge: la mozione di maggioranza alla quale sta lavorando il Pd, secondo quanto si apprende da chi è al corrente della trattativa, conterrebbe solo un impegno a "verificare in Parlamento le condizioni per una correzione della legge elettorale". Un testo inevitabilmente generico, sufficiente a tenere unita la maggioranza ma, forse, non tutto il Pd. La minoranza del partito, infatti, è molto critica rispetto ad una impostazione di questo tipo e farà il punto domani, prima della riunione del gruppo Pd.

Stasera Ettore Rosato, capogruppo democratico alla Camera, incontrerà i colleghi degli altri partiti di maggioranza: "Sono ottimista - ha detto ai giornalisti in Transatlantico - troveremo una soluzione". Chi è a conoscenza della vicenda spiega che l'unico modo per arrivare a un testo comune è appunto scrivere un documento che non prenda posizione sull'Italicum, come invece starebbe chiedendo la minoranza.

"Non esiste - ribadisce un dirigente Pd - che noi scriviamo che l'Italicum non va bene". Inoltre, non si entrerebbe nel dettaglio delle possibili modifiche, niente bocciatura del ballottaggio come pure chiede Ap.

Al tempo stesso, il Pd rinuncerebbe a rivendicare la bontà della legge votata un anno fa e a fissare nella mozione i paletti da rispettare anche per l'eventuale modifica: "Questo - spiega ancora il dirigente Pd - lo metteremo nero su bianco alla prossima direzione del partito: ripeteremo che a noi l'Italicum piace e che le eventuali correzioni devono garantire governabilità e la certezza che dalle urne esca un vincitore".

Rosato e Lorenzo Guerini stanno tessendo la tela con gli altri partiti della maggioranza ma anche con la minoranza Pd, che si sente messa in un angolo: "E' una mozione contro di noi", dice uno dei bersaniani. "E' fatta per metterci in difficoltà. Ma è chiaramente una mozione che non dice niente, perché solo così riescono a fare un documento di maggioranza, visto che non sono d'accordo su come cambiare l'Italicum". I bersaniani decideranno come comportarsi dopo aver letto la mozione, ma la contrarietà al documento allo stato è netta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech