martedì 06 dicembre | 07:27
pubblicato il 08/nov/2014 15:16

Italicum da martedì riparte in Senato, Chiti: stavolta ascoltino

L'ex ministro delle Riforme: 4 modifiche, no a bis rforma Senato

Italicum da martedì riparte in Senato, Chiti: stavolta ascoltino

Roma, 8 nov. (askanews) - Riparte martedì in Senato l'iter della riforma elettorale, qull'Italicum già approvato dalla Camera e fermo da mesi a palazzo Madama. Preceduta con ogni probabilità dall'annunciato nuovo chiarimento Berlusconi-Renzi e dal vertice che il premier Matteo Renzi intende riunire per blindare la maggioranza sulle modifiche al testo di Montecitorio,con o senza -ma meglio con- l'avallo di Forza Italia, la ripresa del cammino dell'Italicum a palazzo Madama è attesa per martedì alle 16 quando la presidente della commissione Anna Finocchiaro riunirà la presidenza della commissione per autonominarsi relatrice sulla riforma e fissare un calendario che porti la riforma in aula al Senato possibilmente prima dell'arrivo della legge di stabilità ai primi di dicembre.

Riacceso il motore delle riforme, torna a far sentire la sua voce fra i senatori del Pd l'ex ministro delle Riforme Vannino Chiti che guidò il dissenso interno alla maggioranza la scorsa estate quando palazzo Madama esaminò e approvò la riforma del Senato proposta dal Governo Renzi. Sono quattro, in particolare, le sue richieste di modifica all'Italicum.

"La legge elettorale - ha affermato - torna al centro del confronto parlamentare: il governo ne sollecita una rapida approvazione. L'augurio è che, a differenza della prima lettura della riforma costituzionale, ci sia una capacità di ascolto, evitando concretamente di contrapporre il 'fare presto' al 'fare bene' ".Su almeno quattro punti - prosegue Chiti - la legge approvata alla Camera va cambiata: una soglia di sbarramento unica, non piu' del 5%, ma a mio giudizio addirittura del 3%; divieto di presentarsi in una pluralita' di circoscrizioni; collegio uninominale o due preferenze, la seconda di genere, senza nomine di candidati sottratti alla scelta dei cittadini; premio di maggioranza che scatti al di sopra del 40%, in caso contrario un secondo turno di ballottaggio. Va tenuto presente che la legge elettorale e' l'altra faccia della medaglia della riforma costituzionale: il voto di ognuno non risponde a ordini di maggioranza ma a convinzioni sul merito del provvedimento''.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari