sabato 10 dicembre | 13:54
pubblicato il 06/mag/2014 20:57

Italia-Slovenia: Napolitano, obiettivo macroregione adriatico-ionica

(ASCA) - Roma, 6 mag 2014 - L'Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica ha reso noto il testo del brindisi del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione del Pranzo di Stato in onore del Presidente della Repubblica di Slovenia, Borut Pahor. Lo pubblichiamo integralmente.

''Signor Presidente della Repubblica di Slovenia e Caro Amico, Signori Ministri, Signore e Signori, sono molto lieto di accoglierLa in Italia per una visita di Stato che riafferma il rapporto di forte, sincera amicizia che unisce i nostri due popoli e sta dando impulso a relazioni sempre piu' intense, in un clima di fiducia e reciproca stima. Ricordo con piacere il nostro incontro di un anno fa, a pochi mesi dall'inizio del Suo mandato. Fu occasione di un primo scambio di opinioni sui grandi temi con i quali i nostri due Paesi si confrontano e confermo' l'impegno condiviso a operare fianco a fianco, nella grande famiglia europea, guardando al futuro e alle aspirazioni delle generazioni piu' giovani. Serbo un ricordo molto vivo dell'attenzione e del calore che hanno caratterizzato i miei viaggi a Lubiana, soprattutto l'ultimo, due anni fa, in visita di Stato, la prima di un Presidente della Repubblica Italiana nella Repubblica di Slovenia. Molto amichevolmente accolto dall'allora Presidente Turk, ricavai la certezza che il traguardo profondamente ambi'to della completa riconciliazione fra le nostre Nazioni aveva fatto riemergere in modo spontaneo e diretto le sintonie politiche, le affinita' culturali e soprattutto i legami profondi e mai completamente interrotti fra i nostri popoli, improntati a una familiarita' e ad una amicizia che hanno radici lontane nel tempo. E' fonte di soddisfazione e orgoglio l'essere riusciti a far avanzare la prospettiva dell'integrazione dei Balcani occidentali nel concerto europeo, e in particolare a gettare le basi di una nuova cooperazione fra le due sponde dell'Adriatico, suggellata dall'emozionante incontro di Trieste di quattro anni fa con i Presidenti di Slovenia e Croazia. Guardiamo ora con soddisfazione e fiducia alle consultazioni trilaterali fra i Primi Ministri, che hanno registrato un promettente avvio lo scorso settembre a Venezia e si svilupperanno ulteriormente nei prossimi incontri.

Questa ritrovata consonanza di aspirazioni e obiettivi trasmette ai Paesi dei Balcani occidentali un messaggio forte e chiaro a sostegno del processo di consolidamento e di ulteriore allargamento della Casa Comune Europea, che rimane il piu' ampio e avanzato presidio di pace, benessere e feconda integrazione fra Stati e fra popoli''.

''Signor Presidente, desidero esprimerLe oggi vivo apprezzamento per la determinazione e la sensibilita' con cui, fin da quando guidava il Governo della Repubblica di Slovenia, ha contribuito a conferire spessore ideale e politico alla prospettiva dell'ingresso e dell'impegno nell'Unione Europea, stimolando con iniziative concrete il superamento dei confini come fattori di divisione e di tensione per costruire, lavorando senza tregua, una cooperazione sempre piu' feconda tra i nostri Paesi.

L'autentica sintonia che oggi registriamo e', nel momento in cui l'Italia si accinge ad assumere la presidenza dell'Unione Europea, particolarmente significativa. La pressante esigenza di giungere a nuovi equilibri nei rapporti fra le Istituzioni europee e i cittadini si salda alla necessita' di coinvolgere le nostre opinioni pubbliche nel processo di formazione di decisioni complesse che toccano l'esperienza e la vita di tutti. Siamo ormai alla vigilia delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, e assistiamo con apprensione al diffuso disorientamento, al crescente disincanto di una parte rilevante dell'opinione pubblica nei confronti della costruzione europea. Anche in Paesi come i nostri, che hanno sempre guardato all'Europa unita come ad una storica conquista di civilta', l'impatto della drammatica crisi finanziaria, economica e sociale degli ultimi 5 anni ha affievolito e inaridito la corretta e positiva percezione del nostro modello di integrazione sovranazionale. E' percio' indispensabile riportare in luce le matrici comuni - politiche, sociali e culturali, oltre che economiche - che ci uniscono al di la' delle tensioni e difficolta' recenti, e dare consapevolezza delle nuove motivazioni del progetto di unita' europea''. ''Signor Presidente, a oltre cinque anni dall'inizio della crisi, nell'esercizio della Presidenza dell'Unione Europea, l'Italia e' intenzionata ad imprimere un deciso segnale di svolta rispetto all'accento finora posto prioritariamente sul rispetto dei vincoli della disciplina di bilancio. Sara' naturalmente imperativo perseverare in tutti gli sforzi necessari per rafforzare la disciplina dei conti pubblici, per evitare che i nostri figli e i nostri nipoti debbano pagare un prezzo troppo alto per la non ottimale gestione delle risorse perseguita nel corso dei passati decenni. Pur mantenendo alta la guardia, in questa fase e' pero' indispensabile puntare con decisione sul rilancio della crescita e dell'occupazione, con l'obiettivo di alleviare il grave, per certi aspetti disperante disagio sociale che oggi sperimentiamo. Occorre interrompere il circolo vizioso tra politiche pubbliche restrittive e arretramento delle economie europee, orientandole verso un forte recupero di competitivita' e una ben mirata ripresa degli investimenti pubblici e privati. E dando rilievo prioritario a improcrastinabili riforme strutturali. Anche in funzione di questa prospettiva la Presidenza italiana e' determinata a conseguire l'obiettivo della Macro-regione adriatico-ionica, e si adoperera' affinche' l'Europa possa dare risposte concrete e convincenti alle aspettative delle popolazioni della sponda sud del Mediterraneo, crocevia vitale per la costruzione europea. Ed e' proprio tenendo ben a mente le esigenze di solidarieta' nei confronti di queste popolazioni, che nel dicembre scorso la Slovenia, con un gesto di generosita' particolarmente apprezzato da chi, come l'Italia, e' in prima linea nell'assistenza ai migranti e nel contrasto al loro sfruttamento, ha messo a disposizione dell'operazione 'Mare Nostrum' la nave Triglav. Di fronte alla drammatica sfida delle migrazioni, e' oggi indispensabile un maggiore sforzo collettivo e solidale da parte dell'Unione Europea, non solo per garantire la sicurezza delle nostre frontiere marittime, ma soprattutto per far si' che non abbiano piu' a ripetersi tragedie come quella di Lampedusa. Confido che anche in quest'ambito i nostri due Paesi sapranno far valere a Bruxelles le sensibilita' e specificita' che li contraddistinguono, nell'interesse dell'Europa stessa e dei suoi cittadini''.

''Esemplare e' oggi la collaborazione tra le nostre Forze Armate, tanto in ambito bilaterale e transfrontaliero, quanto con riferimento alle missioni internazionali di pace. I nostri militari operano congiuntamente in Kosovo, Afghanistan, Libano e Mali, con un affiatamento e una solidarieta' che nascono non solo dall'analoga formazione professionale, ma anche da una sensibilita' innata nei confronti delle istanze della popolazione civile.

Sul piano economico e commerciale, come su quello politico e culturale, abbiamo assistito ad una moltiplicazione di scambi e iniziative, alimentati da una crescente e piu' consapevole attenzione reciproca, oltre che dalla sempre piu' valorizzata continuita' geografica tra i nostri due paesi. La prossima sessione del Comitato di Coordinamento dei Ministri italo-sloveno rappresentera' in questo senso un'importante occasione di confronto, con l'obiettivo di fissare traguardi sempre piu' ambiziosi. Mi limito qui ad accennare alle aspettative che riponiamo nell'EXPO Milano 2015, cui la Slovenia partecipera' con un proprio padiglione, e la significativa ricorrenza che tra qualche mese ci riunira' a Redipuglia, per commemorare il centenario dell'inizio della Prima Guerra Mondiale''. Ha concluso Napolitano: ''Signor Presidente, Caro Amico, la positiva evoluzione delle nostre relazioni bilaterali non avrebbe potuto raggiungere l'attuale ampiezza senza lo straordinario contributo delle rispettive minoranze nazionali. L'interazione fra la comunita' italiana in Slovenia e quella slovena in Italia rappresenta un insostituibile valore aggiunto per l'incessante approfondimento della reciproca comprensione.

Desidero dunque ribadire oggi l'impegno, che so essere pienamente condiviso, a far si' che queste comunita' possano godere nel Paese in cui vivono una piena integrazione, nel rispetto della loro identita' e delle loro tradizioni.

E' con questi sentimenti che levo il calice per brindare alla prosperita' del popolo sloveno, al benessere personale Suo e all'amicizia tra Italia e Slovenia''. red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina