martedì 21 febbraio | 16:04
pubblicato il 15/ott/2013 16:33

Italia-Serbia: Letta, per lo sviluppo favorire macroregioni europee

(ASCA) - Ancona, 15 ott - ''Faremo del semestre di presidenza italiana un semestre molto proiettato allo sviluppo economico e crescita; ritengo che le collaborazioni a livello regionale in particolare il lavoro sulla strategia Adriatico Jonica (Ancona e' sede dell'iniziativa della macroregione - ndr -), siano una di queste dimensioni. Lavoreremo in questa direzione per favorire le macroregioni europee; lavoreremo nella direzione di spingere sui temi della crescita e sviluppo''. Lo ha affermato il presidente Enrico Letta nel corso della conferenza stampa finale nel vertice bilaterale Italia-Serbia svoltosi stamane ad Ancona nella sede della regione Marche. Sia il premier italiano Enrico Letta che serbo Ivan Dacic erano accompagnati da una delegazione dei rispettivi governi. Per l'Italia, oltre al vicepremier Angelino Alfano, hanno presenziato i ministri Emma Bonino, Anna Maria Cancellieri, Maria Chiara Carrozza, Maurizio Lupi e Mario Mauro. Letta ha assicurato che l'Italia continuera' a supportare l'avvicinamento il piu' rapido possibile della Serbia alla Ue. ''L'ingresso della Serbia in Europa - ha aggiunto Letta ai microfoni di RaiMarche - e' una grande priorita' nazionale e noi lavoreremo con molto impegno in questa direzione'', sottolineando che dagli accordi possono venire ''sviluppo e crescita'' delle imprese delle Marche e del Centro Italia.

Quattro sono gli accordi sottoscritti nel corso del terzo vertice bilaterale intergovernativo. Di storica giornata ha parlato il presidente della regione Marche Gian Mario Spacca; ''giornata storica per Ancona perche' il presidente Letta ha certificato il suo ruolo di capitale dell'Adriatico, nell'ambito non solo dello sviluppo della Macroregione adriatica, ma anche nel disegno di politica estera che l'Italia persegue rispetto ai balcani.

Credo che considerando che questa e' la prorita' della strategia delle relazioni internazionali dell'Italia, il ruolo di Ancona e delle Marche nei prossimi anni ha un qualche cosa di straordinario e noi ne siamo felici''. pg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia