lunedì 05 dicembre | 03:53
pubblicato il 03/feb/2014 16:47

Italia prima in Europa per corruzione

Il 4% del pil nazionale va in attività illecite

Italia prima in Europa per corruzione

Roma (askanews) - La corruzione in Europa è un fenomeno che riguarda tutti, ma è l'Italia che da sola 'guida' queste attività illecite. Il primato, impietoso, è stato riconosciuto dal primo rapporto sulla legge contro la corruzione pubblicato dalla Commissione europea.Si stima che in media la corruzione sottragga all'economia della Ue 120 miliardi di euro l'anno. In Italia i costi diretti totali della corruzione ammontano a 60 miliardi di euro ogni anno, pari a circa il 4% del Pil nazionale.In Italia il settore più critico è quello degli appalti pubblici, dove la partecipazione è richiesta "pro forma" ed il vincitore è in realtà già stato deciso precedentemente. Un ruolo non marginale lo gioca la criminalità organizzata.La commissione denuncia poi come il parlamento italiano, in diverse occasioni "ha approvato o ha tentato di far passare leggi 'ad personam' a favore di politici imputati in procedimenti penali, anche per reati di corruzione".

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari