venerdì 24 febbraio | 13:38
pubblicato il 03/feb/2014 16:47

Italia prima in Europa per corruzione

Il 4% del pil nazionale va in attività illecite

Italia prima in Europa per corruzione

Roma (askanews) - La corruzione in Europa è un fenomeno che riguarda tutti, ma è l'Italia che da sola 'guida' queste attività illecite. Il primato, impietoso, è stato riconosciuto dal primo rapporto sulla legge contro la corruzione pubblicato dalla Commissione europea.Si stima che in media la corruzione sottragga all'economia della Ue 120 miliardi di euro l'anno. In Italia i costi diretti totali della corruzione ammontano a 60 miliardi di euro ogni anno, pari a circa il 4% del Pil nazionale.In Italia il settore più critico è quello degli appalti pubblici, dove la partecipazione è richiesta "pro forma" ed il vincitore è in realtà già stato deciso precedentemente. Un ruolo non marginale lo gioca la criminalità organizzata.La commissione denuncia poi come il parlamento italiano, in diverse occasioni "ha approvato o ha tentato di far passare leggi 'ad personam' a favore di politici imputati in procedimenti penali, anche per reati di corruzione".

Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech