sabato 03 dicembre | 01:33
pubblicato il 15/dic/2011 20:30

Italia-Libia/ Monti vede Jalil, riparte il Trattato di amicizia

Con l'incontro di oggi a Roma è "riattivato" l'accordo del 2008

Italia-Libia/ Monti vede Jalil, riparte il Trattato di amicizia

Roma, 15 dic. (askanews) - Il cruciale accordo Italia-Libia, che in molti davano per spacciato nel 'dopo Gheddafi', riparte con il governo Monti. Il premier ha ricevuto stamattina a palazzo Chigi il presidente libico Mustafà Abdul Jalil, leader del Consiglio nazionale degli ex ribelli (Cnt), con cui ha "deciso di riattivare il trattato di amicizia, la cui applicazione era stata sospesa con l'inizio del conflitto in Libia" come annunciato dallo stesso Monti alla stampa. "Abbiamo percorso i modi concreti per concentrarci sulle priorità della nuova Libia" ha proseguito il presidente del Consiglio, a cui hanno fatto eco le parole di Jalil secondo cui, quella di oggi, è stata una decisione "nell'interesse dei due Paesi". Il 'trattato di amicizia', firmato il 30 agosto 2008 da Silvio Berlusconi e Muammar Gheddafi, era stato congelato all'inizio della guerra nel paese nordafricano con una decisione politica dell'ex esecutivo italiano. Quella di fine febbraio non era stata un'interruzione 'tecnica' cioè non c'era stata alcuna legge del parlamento che sospendesse il trattato, quindi "da un punto di vista formale" i due leader hanno potuto prendere la decisione di riattivare l'accordo senza alcun passaggio governativo o parlamentare specifico, hanno precisato fonti diplomatiche vicine al dossier. Da parte libica, d'altronde, non sarebbe stata avanzata alcuna obiezione né proposta di emendamento al testo. L'accordo di Bengasi, in estrema sintesi, prevede che l'Italia finanzi opere pubbliche in Libia per 5 miliardi di dollari in 20 anni e che, in cambio, riceva una posizione privilegiata nelle commesse pubbliche (leggi: infrastrutture e petrolio). Poi c'è tutto un aspetto operativo che comporta la creazione di una serie di organismi congiunti per la cooperazione politica ed economica Roma-Tripoli. "Il lavoro comincia da oggi" assicurano i diplomatici, e un'altra tappa "sostanziale" sarà la visita di Mario Monti in Libia prevista fra metà e fine gennaio 2012. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari