mercoledì 22 febbraio | 12:42
pubblicato il 15/dic/2011 10:31

Italia-Libia/ Jalil da Monti, sul tavolo il futuro del trattato

"Riserve" dalle autorità post-Gheddafi, ieri Juppé a Tripoli

Italia-Libia/ Jalil da Monti, sul tavolo il futuro del trattato

Roma, 15 dic. (askanews) - Cosa fare del 'trattato di amicizia' siglato da Italia e Libia il 30 agosto 2008? Questo il nodo principale dei colloqui di stamattina alle 10 a palazzo Chigi fra il presidente del Consiglio Mario Monti e il presidente libico Mustafà Abdul Jalil. Il capo del Consiglio nazionale transitorio (Cnt) vedrà poco dopo anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale, dove sarà presente anche il ministro degli Esteri Giulio Terzi. Le premesse, nell'ottica italiana, non sono del tutto incoraggianti. All'inizio della settimana, dopo aver ricevuto a Tripoli l'ambasciatore d'Italia Giuseppe Buccino e il direttore generale per il Medio Oriente Domenico Giorgi, il vice ministro degli Esteri libico - citato dall'agenzia locale Wal - ha detto chiaramente che "su alcuni punti del trattato la Libia ha alcune riserve, che dobbiamo discutere". Il problema principale, e comprensibile, è che sotto l'accordo di Bengasi c'è la firma dell'ex dittatore Gheddafi. Ma gli ostacoli non finiscono qui: ieri, con una tempistica quantomeno sospetta, il potente ministro degli Esteri francese Alain Juppé è volato a Tripoli per riunioni con lo stesso Jalil, con il primo ministro del governo di transizione Abdel Rahim al-Kib e con l'omologo libico Achour Ben Khayal. La visita lampo del ministro francese, hanno spiegato dal Quai d'Orsay, voleva essere "l'occasione per riaffermare che la Francia, che fin dai primi giorni ha preso il comando della coalizione internazionale per la protezione dei libici, sarà anche al loro fianco anche nella ricostruzione". Un messaggio nemmeno troppo velato alle nuove autorità libiche e all'Italia, visto che in base al trattato di amicizia italo-libico - sospeso durante la guerra nel paese nordafricano e ovviamente poco gradito a Parigi e Londra - l'Italia dovrebbe finanziare opere pubbliche per 5 miliardi di dollari in 20 anni e ricevere in cambio una posizione privilegiata nelle commesse pubbliche libiche (leggi: infrastrutture e petrolio). (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%