mercoledì 18 gennaio | 13:37
pubblicato il 15/dic/2011 10:31

Italia-Libia/ Jalil da Monti, sul tavolo il futuro del trattato

"Riserve" dalle autorità post-Gheddafi, ieri Juppé a Tripoli

Italia-Libia/ Jalil da Monti, sul tavolo il futuro del trattato

Roma, 15 dic. (askanews) - Cosa fare del 'trattato di amicizia' siglato da Italia e Libia il 30 agosto 2008? Questo il nodo principale dei colloqui di stamattina alle 10 a palazzo Chigi fra il presidente del Consiglio Mario Monti e il presidente libico Mustafà Abdul Jalil. Il capo del Consiglio nazionale transitorio (Cnt) vedrà poco dopo anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale, dove sarà presente anche il ministro degli Esteri Giulio Terzi. Le premesse, nell'ottica italiana, non sono del tutto incoraggianti. All'inizio della settimana, dopo aver ricevuto a Tripoli l'ambasciatore d'Italia Giuseppe Buccino e il direttore generale per il Medio Oriente Domenico Giorgi, il vice ministro degli Esteri libico - citato dall'agenzia locale Wal - ha detto chiaramente che "su alcuni punti del trattato la Libia ha alcune riserve, che dobbiamo discutere". Il problema principale, e comprensibile, è che sotto l'accordo di Bengasi c'è la firma dell'ex dittatore Gheddafi. Ma gli ostacoli non finiscono qui: ieri, con una tempistica quantomeno sospetta, il potente ministro degli Esteri francese Alain Juppé è volato a Tripoli per riunioni con lo stesso Jalil, con il primo ministro del governo di transizione Abdel Rahim al-Kib e con l'omologo libico Achour Ben Khayal. La visita lampo del ministro francese, hanno spiegato dal Quai d'Orsay, voleva essere "l'occasione per riaffermare che la Francia, che fin dai primi giorni ha preso il comando della coalizione internazionale per la protezione dei libici, sarà anche al loro fianco anche nella ricostruzione". Un messaggio nemmeno troppo velato alle nuove autorità libiche e all'Italia, visto che in base al trattato di amicizia italo-libico - sospeso durante la guerra nel paese nordafricano e ovviamente poco gradito a Parigi e Londra - l'Italia dovrebbe finanziare opere pubbliche per 5 miliardi di dollari in 20 anni e ricevere in cambio una posizione privilegiata nelle commesse pubbliche libiche (leggi: infrastrutture e petrolio). (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa