venerdì 24 febbraio | 22:44
pubblicato il 04/lug/2013 19:22

Italia-Libia: Grasso,in prima linea per mantenimento pace e sicurezza

Italia-Libia: Grasso,in prima linea per mantenimento pace e sicurezza

(ASCA) - Roma, 4 lug - Il presidente del Senato ha ricevuto stamattina a Palazzo Giustiniani il primo ministro libico Ali Zidan. Il presidente Grasso, nel confermare gli storici legami di amicizia e fratellanza che legano il popolo italiano al popolo libico, ha rinnovato l'impegno del nostro Paese per il consolidamento delle istituzioni democratiche e della ricostruzione economica della Libia, come gia' avvenuto nei mesi scorsi ad esempio con la partecipazione del Senato a un programma di formazione destinato al Parlamento della Libia ed ha assicurato la prosecuzione di tale collaborazione, sia a livello politico che per quanto concerne la formazione dei funzionari e l'organizzazione delle strutture di supporto. Il presidente ha inoltre sottolineato come le Istituzioni italiane siano in prima linea per il pieno reinserimento della nuova Libia in tutti i rilevanti fori di dialogo multilaterale e per l'adesione alla partnership mediterranea dell'OSCE. Il primo ministro libico ha tenuto a ringraziare l'Italia per il ruolo particolarmente rilevante nei processi di stabilizzazione delle aree di crisi e di transizione democratica nel Mediterraneo e nel Medio Oriente. Successivamente il presidente Grasso ha incontrato il vice primo ministro dell'Iraq Rowsch Shaways. ''La stabilita' dell'Iraq e il consolidamento delle sue istituzioni democratiche sono cruciali per la pace e la sicurezza in un Mediterraneo allargato sempre piu' fragile e instabile'', ha detto il presidente Grasso. Shaways ha ringraziato l'Italia ''fortemente impegnata a fianco all'Iraq nel processo di ricostruzione del paese, per il suo sviluppo e per la sua prosperita', e per aver fornito un importante contributo alla ricostruzione dell'Iraq con programmi di cooperazione e di condono del debito''. Il Presidente del Senato ha poi sottolineato l'importanza delle nostre relazioni nel settore culturale e della protezione del patrimonio artistico. ''I nostri popoli sono antichi e i nostri paesi sono entrambi eredi di civilta' millenarie; abbiamo la responsabilita' comune di tutelare e valorizzare un patrimonio culturale e artistico di inestimabile valore. Per questa speciale sensibilita', l'Italia e' il paese che piu' di ogni altro ha contribuito alla protezione del patrimonio culturale dell'Iraq'', ha detto Grasso. Shaways ha risposto mettendo in evidenza che ''in questo settore le attivita' della cooperazione italiana sono considerate un modello di riferimento da tutte le agenzie di cooperazione internazionale e sono molto apprezzate dalle nostre autorita'''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech