lunedì 05 dicembre | 02:16
pubblicato il 20/nov/2013 20:58

Italia-Francia: dichiarazione, un fondo per coproduzioni di film

(ASCA) - Roma, 20 nov - Italia e Francia, si legge nella dichiarazione congiunta del summit di Roma, sottolineano la propria soddisfazione per la continuita' della cooperazione nel campo della circolazione di beni culturali in ambito europeo e la qualita' della cooperazione nel settore del patrimonio (cooperazione nel progetto di restauro della Chiesa di Santa Maria del Suffragio L'Aquila). Roma e Parigi annunciano poi l'avvenuta creazione di un fondo, il 15 ottobre scorso, per aiutare a finanziare lo sviluppo di coproduzione di film Italo-francesi in conformita' con l'accordo firmato a Cannes il 21 maggio .

Italia e Francia condividono altresi' un comune impegno nella salvaguardia e valorizzazione del loro patrimonio paesaggistico. In tale ambito, entrambi i Paesi attribuiscono un elevato interesse, anche in termini di sviluppo turistico, economico e sociale allo sviluppo della Via Francigena, ''uno fra i piu' prestigiosi itinerari culturali del Consiglio d'Europa''.

gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari