sabato 10 dicembre | 18:07
pubblicato il 28/mag/2014 13:22

Istat: Boldrini, Rapporto ci trasmette messaggio sofferenza e...(3 upd)

(ASCA) - Roma, 28 mag 2014 - Il ritratto del Paese che emerge dal Rapporto Istat 2014 ''e' innanzitutto quello di un'Italia in grande sofferenza a causa della crisi economica. Una crisi economica che ha messo a dura prova la tenuta del nostro tessuto sociale. Alcuni dati sono impressionanti e ci trasmettono un messaggio di allarme che dovrebbe indurre ad interventi immediati''. Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini intervenendo alla presentazione del Rapporto statistico, sottolineando come destino preoccupazione, fra gli altri, i dati relativi alla poverta' - con ''milioni di uomini e donne che non possono permettersi la spesa minima necessaria'' - e al lavoro - ''la disoccupazione giovanile e' uno spreco che non ci possiamo piu' permettere''. Senza dimenticare che le diseguaglianze fra le classi sociali e le diverse aree del Paese, aggiunge Boldrini, sono destinate ''ad allargarsi'' e a ''diventare insostenibili''.

Boldrini, parlando della poverta', nota come ci siano ''milioni di uomini e di donne che non possono permettersi neppure la spesa minima necessaria per acquisire il paniere di beni e servizi considerati essenziali, per condurre insomma uno standard di vita che possa definirsi minimamente accettabile''. Per la presidente della Camera questi ''sono dati difficilmente compatibili con quei doveri inderogabili di solidarieta' sociale iscritti fra i principi fondamentali della nostra Costituzione. Il disagio sociale continua ad essere molto piu' elevato nelle regioni del Mezzogiorno rispetto alle altre aree del Paese''. Ma le capacita' di risposta da parte degli enti locali ''paradossalmente sono assai piu' incisive al Nord che al Sud: la spesa per abitante per il contrasto alla poverta' e all'esclusione sociale nella provincia di Trento e' di quasi dodici volte superiore a quella della regione Calabria! Se non si inverte questa tendenza, le diseguaglianze fra le classi sociali e tra le diverse aree del Paese sono destinate ad allargarsi e a diventare ancora piu' insostenibili''.

Boldrini sostiene che ''non possiamo continuare ad essere tra i paesi europei con le percentuali piu' basse di spesa destinate alla disabilita' e penultimi nella classifica delle risorse dedicate alle famiglie. E' una tale contraddizione - dice - in un Paese in cui la famiglia e' cosi' centrale nel discorso pubblico''. A colmare questo divario si impegna quella che per la presidente della Camera ''e' una delle migliori risorse italiane: l'intervento del Terzo settore che vede ogni giorno oltre 4 milioni di volontari prestare la propria opera per rendere migliori le condizioni della convivenza civile. E' una grande ricchezza di capitale sociale che non puo' tuttavia essere lasciata sola a fronteggiare fenomeni che hanno una portata generale e di lunga durata''. Uno di questi fenomeni e' la crescita della popolazione anziana. ''Siamo, subito dopo la Germania - nota Boldrini - il paese con il piu' alto indice di vecchiaia dell'Unione europea, e con un andamento demografico negativo, se non fosse per l'afflusso dei migranti provenienti da paesi stranieri''. Ma, non ha dubbi Boldrini, ''e' il lavoro la grande priorita' dell'Italia di oggi. La disoccupazione giovanile - spiega - rappresenta uno spreco di energie e di intelligenze che non ci possiamo piu' permettere! Cosi' come non e' piu' tollerabile il fatto che tante, troppe donne vengano poste di fronte all'alternativa drammatica tra la professione e la scelta della maternita' perche' si fa sempre piu' fatica a conciliare i tempi di vita e di lavoro''. La presidente nota come sia ''incredibilmente alto'' il dato, circa il 22%, delle donne che perdono il lavoro dopo il parto, soprattutto nel Mezzogiorno dove il dato sale quasi al 30%. E in questo dato rientrano certamente per Boldrini ''gli effetti di quella pratica odiosa delle ''dimissioni in bianco'' che il Parlamento sta cercando da tempo di cancellare, pur tra molte, troppe resistenze ancora in atto''. La presidente di Montecitorio racconta di essere stata la settimana scorsa in visita ufficiale negli Stati Uniti, incontrando nel Maryland, vicino Washington gli scienziati italiani del National Institutes of Health e a New York un gruppo di giovani imprenditori italiani che sono riusciti a realizzare le loro idee attraverso start up che operano in settori innovativi.

''Due incontri davvero interessanti - li giudica Boldrini - nei quali i miei sentimenti sono stati misti: da un lato l'orgoglio di vedere nostri connazionali che si affermano per le loro competenze, dall'altro la frustrazione di non poter dire loro di tornare in Italia. Ho visto da vicino quale perdita sia per il nostro Paese la rinuncia ad avvalersi di questi talenti e quanto sia drammaticamente vero quanto riportato nel Rapporto: il numero degli emigrati italiani nel 2012 e' stato il piu' alto dell'ultimo decennio e cresce di anno in anno in modo consistente. A fronte di un calo altrettanto progressivo dei rientri''.

Boldrini dice di non considerare un problema in se' il fatto che i nostri giovani decidano di trascorrere un periodo di studio o di lavoro all'estero perche' ''da esperienze di questo tipo si ricava un sicuro arricchimento culturale. Il problema - sottolinea - sta nel fatto che l'Italia non attrae giovani di altri paesi e non convince i nostri a tornare.

Anche per questo serve un maggiore investimento nella formazione, nella cultura e nella ricerca''. Boldrini ritiene che la sfida della conoscenza ha ormai la stessa dimensione globale di quella dell'economia ed e' ad essa strettamente intrecciata.

La fotografia che emerge da questo Rapporto sullo stato del Paese ''e' dunque complessivamente preoccupante'', afferma la presidente anche se, aggiunge, ''non mancano aspetti positivi che vanno assolutamente valorizzati, soprattutto in un momento come questo. Penso ad esempio ai segnali di ripresa che vengono dal nostro sistema produttivo.

I dati piu' recenti dimostrano come non poche imprese abbiano saputo reagire alla crisi economica, facendo leva sull'internazionalizzazione, sull'innovazione, sulla capacita' di fare rete con altre imprese. Altri dati confortanti - continua - riguardano la fiducia dei consumatori, che segna il valore piu' alto dal 2010 e la tutela della salute. Pur con una spesa sanitaria pubblica per abitante nettamente inferiore a quella di molti paesi europei, alcuni indici sullo stato di salute della popolazione collocano l'Italia nella fascia alta dell'Europa: ad esempio per aspettativa di vita, per i bassi tassi di mortalita' infantile, per la capacita' di intervento e di cura delle piu' diffuse patologie''. Insomma, conclude, ''gli elementi di tenuta del nostro Paese davvero non mancano, nonostante la formidabile scossa data dalla crisi. Spetta alla politica far si' che essi diventino semi attivi di speranza''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina