venerdì 24 febbraio | 12:31
pubblicato il 28/mag/2014 12:42

Istat: Boldrini, fa ottimo lavoro. Garantire sua indipendenza (1 upd)

(ASCA) - Roma, 28 mag 2014 - L'Istat ''ha svolto e continua a svolgere un prezioso lavoro di sostegno all'attivita' parlamentare, non facendo mai mancare il proprio apporto di conoscenza e di analisi. Per preservare questo ruolo di alta consulenza verso il Parlamento e gli altri organi politici e' fondamentale continuare a garantire all'Istituto di statistica la piu' completa indipendenza rispetto ad ogni tipo di condizionamento''. Lo afferma la presidente della Camera, Laura Boldrini nel suo intervento alla presentazione del Rapporto annuale dell'Istituto di statistica. Secondo la presidente ''e' proprio grazie alla sua indipendenza che, in un Paese come il nostro ad alta conflittualita' politica, l'Istat ha saputo guadagnarsi quella reputazione di attendibilita' e di rigore che gli viene oggi universalmente riconosciuta. Rappresenta per noi un grande riferimento. Altrettanto importante - dice Boldrini - e' il fatto che l'Istituto sia inserito nel sistema statistico europeo, quale ulteriore garanzia di oggettivita' e di accuratezza scientifica''.

L'Istat ha dimostrato negli anni, continua Boldrini, anche una ''continua capacita' di innovazione che e' stata recentemente espressa nella messa a punto - in collaborazione con il CNEL - del BES, la misura dello stato di benessere equo e sostenibile del Paese. Una iniziativa - spiega - che nasce dalla giusta convinzione che i parametri per definire il grado di progresso della societa' non possano essere solo quelli di ordine economico e che occorre prendere in considerazione altri fattori, come la qualita' dei servizi sociali, la tutela ambientale, la conciliazione dei tempi di lavoro e di vita delle persone. Si tratta di aspetti che ci aiutano a capire, al di la' dei numeri del PIL, il vero stato di salute della comunita' nazionale e le reali prospettive della nostra societa'''. Il Rapporto Istat, rileva Boldrini, e' un ''grande libro aperto sulle maggiori questioni di carattere economico, politico e sociale che attendono una risposta da parte delle forze politiche e delle istituzioni democratiche. Una fonte di dati che disegna con precisione il profilo dell'Italia di oggi. Trovo molto opportuna la scelta, fatta nel Rapporto, di confrontare sistematicamente i dati italiani con quelli degli altri partner dell'Unione europea. Ho sempre ritenuto questo l'approccio migliore per analizzare i tanti problemi che vive il nostro Paese: pensarli all'interno del piu' ampio orizzonte europeo e internazionale. E questo e' tanto piu' necessario all'indomani dell'elezione del nuovo Parlamento europeo e alla vigilia del semestre italiano di presidenza del Consiglio dell'Unione''. fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech