giovedì 19 gennaio | 06:15
pubblicato il 21/nov/2015 13:20

Islamici italiani: contro il terrorismo faremo la nostra parte

La nostra religione è amore non odio, condanniamo la barbarie

Islamici italiani: contro il terrorismo faremo la nostra parte

Roma, 21 nov. (askanews) - "Noi dobbiamo fare la nostra parte come musulmani e come cittadini italiani ed europei per combattere e sconfiggere il terrorismo, dobbiamo rimanere uniti contro questo male assoluto". Lo dice Abdallah Redouane, segretario generale della Moschea di Roma, ricevuto oggi dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, insieme agli altri rappresentanti delle comunità islamiche in Italia in vista della manifestazione organizzata a Roma 'Not in my name'.

"I terroristi vogliono parlare a nome dei musulmani ma non ci rappresentano - ha spiegato - vogliono parlare in nome dell'Islam ma noi non ci riconosciamo in questo Islam, Dio è amore non è morte. Grideremo questo pomeriggio la nostra rabbia e la nostra speranza di combattere il terrorismo".

Per Yahya Pallavicini, vicepresidente del Coreis è necessario "fare chiarezza e dare visibilità alla voce autentica" dell'Islam "rispetto a questa degenerazione" perchè "i musulmani onesti sono offesi e rischiano di restare ostaggio di questa rappresentazione della loro religione che invece è amore, giustizia, rispetto delle regole".

Sumaya Elhu dell'associazione delle donne musulmane in Italia ha sottolineato l'importanza di poter dare voce attraverso le istituzioni italiane al messaggio che "il terrorismo non ha religione e che condanniamo la barbarie compiuta in questi anni".

"Siamo italiani di fede islamica e uniti possiamo vincere la paura. Riuniremo in tante piazze d'Italia tutta la comunità islamica per condannare questo cancro dell'umanità" che è il terrorismo, ha detto il presidente dell'Ucoi, Izzedin Elzir.

Per Massimo Cozzolino, segretario generale della federazione islamica, "è importante manifestare in modo categorico di essere dalla parte della democrazia, della libertà dell'uguaglianza e della pari dignità fra gli uomini". E infatti oggi arriveranno a Roma 17 delegazioni regionali dell'associazione. Infine Cheikh Niang, dell'associazione musulmani del Senegal ha ribadito che "è nostro dovere difendere il paese e la comunità di cui siamo cittadini e alzare la voce per difenderli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina