lunedì 27 febbraio | 22:02
pubblicato il 21/nov/2015 13:20

Islamici italiani: contro il terrorismo faremo la nostra parte

La nostra religione è amore non odio, condanniamo la barbarie

Islamici italiani: contro il terrorismo faremo la nostra parte

Roma, 21 nov. (askanews) - "Noi dobbiamo fare la nostra parte come musulmani e come cittadini italiani ed europei per combattere e sconfiggere il terrorismo, dobbiamo rimanere uniti contro questo male assoluto". Lo dice Abdallah Redouane, segretario generale della Moschea di Roma, ricevuto oggi dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, insieme agli altri rappresentanti delle comunità islamiche in Italia in vista della manifestazione organizzata a Roma 'Not in my name'.

"I terroristi vogliono parlare a nome dei musulmani ma non ci rappresentano - ha spiegato - vogliono parlare in nome dell'Islam ma noi non ci riconosciamo in questo Islam, Dio è amore non è morte. Grideremo questo pomeriggio la nostra rabbia e la nostra speranza di combattere il terrorismo".

Per Yahya Pallavicini, vicepresidente del Coreis è necessario "fare chiarezza e dare visibilità alla voce autentica" dell'Islam "rispetto a questa degenerazione" perchè "i musulmani onesti sono offesi e rischiano di restare ostaggio di questa rappresentazione della loro religione che invece è amore, giustizia, rispetto delle regole".

Sumaya Elhu dell'associazione delle donne musulmane in Italia ha sottolineato l'importanza di poter dare voce attraverso le istituzioni italiane al messaggio che "il terrorismo non ha religione e che condanniamo la barbarie compiuta in questi anni".

"Siamo italiani di fede islamica e uniti possiamo vincere la paura. Riuniremo in tante piazze d'Italia tutta la comunità islamica per condannare questo cancro dell'umanità" che è il terrorismo, ha detto il presidente dell'Ucoi, Izzedin Elzir.

Per Massimo Cozzolino, segretario generale della federazione islamica, "è importante manifestare in modo categorico di essere dalla parte della democrazia, della libertà dell'uguaglianza e della pari dignità fra gli uomini". E infatti oggi arriveranno a Roma 17 delegazioni regionali dell'associazione. Infine Cheikh Niang, dell'associazione musulmani del Senegal ha ribadito che "è nostro dovere difendere il paese e la comunità di cui siamo cittadini e alzare la voce per difenderli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech