venerdì 02 dicembre | 23:36
pubblicato il 20/ago/2014 14:32

Iraq: Speranza (Pd), Europa deve assumere iniziativa forte

(ASCA) - Roma, 20 ago 2014 - ''I conflitti in Medio Oriente e lungo il Mediterraneo sono sempre piu' drammatici. Da Gaza alla Libia. Dalla Siria all'Iraq. Non possiamo stare a guardare o apparire inermi. L'Europa deve assumere una iniziativa forte, nel quadro delle regole delle Nazioni Unite''. Cosi' il capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, mentre e' in corso la riunione delle commissioni congiunte Esteri e Difesa di Camera e Senato.

''Non dobbiamo avere paura di intervenire per bloccare i crimini contro l'umanita' che nuove visioni totalitarie stanno perpetrando in Iraq. Oggi, mentre noi siamo impegnati in Parlamento per sostenere l'azione del Governo Italiano, Matteo Renzi e' a Baghdad. La sua presenza deve rappresentare un nuovo protagonismo dell'Europa. L'assenza di una vera politica estera comune europea - conclude Speranza - non e' piu' sostenibile e fa pagare un prezzo intollerabile a troppe persone innocenti''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari