sabato 03 dicembre | 20:58
pubblicato il 21/ago/2014 15:57

Iraq: Italia Unica, Renzi in Kurdistan operazione senza visione politica

(ASCA) - Roma, 21 ago 2014 - ''L'iniziativa dell'Italia volta a rafforzare le difese delle forze di sicurezza del Kurdistan iracheno - si legge in un editoriale sul sito di Italia Unica a firma di Fabrizio Luciolli, segretario generale del Comitato Atlantico Italiano - va nella giusta direzione ma rischia di rimanere velleitaria se non verra' accompagnata da una strategia complessiva di carattere politico, militare ed economico. La presenza dell'Italia in Kurdistan non e' mai stata adeguata perche' gli interessi petroliferi dell'ENI hanno concentrato le attenzioni del nostro governo prevalentemente nel sud dell'Iraq''.

''Il piano del premier Renzi - continua Luciolli - sembrerebbe voler recuperare tale ritardo anche se non appare sorretta da quella visione politica e strategica di piu' ampio respiro, che gli stessi ministri degli esteri e della difesa hanno invocato nella riunione congiunta delle relative commissioni. Sotto questo profilo, e' la stessa definizione e campo d'azione dell'ISIS a indicarci la prospettiva regionale e non solo, dello jihadismo globale, a cui l'organizzazione terroristica fa riferimento. Una minaccia che, per essere combattuta - si legge nel sito del movimento di Corrado Passera - richiede un progetto ambizioso, di medio-lungo periodo, con la sintesi di difficili equilibri e che non puo' essere ridotta a poche ore in incontri ad Erbil e Baghdad, dove, tra l'altro, pochi giorni prima alcuni interlocutori del premier stavano per mettere in atto un colpo di stato.

L'iniziativa ferragostana del governo oltre che destare perplessita' sulla tipologia delle forniture militari offerte ai Peshmerga curdi, preoccupa anche sul piano di assistenza non affiancato da un programma di alta formazione e addestramento di cui l'Italia dovrebbe farsi promotrice anche ricorrendo a fondi NATO nel suo attuale ruolo di ambasciata Punto di Contatto tra l'Alleanza e l'Iraq''.

''Il rafforzamento delle capacita' militari dei Peshmerga avra', comunque, il merito di dare respiro alla fuga dei cristiani e delle altre minoranze religiose dall'Iraq e dalla Siria. In assenza di una simile prospettiva multilaterale e di una chiara strategia relativa agli interessi che l'Italia intende perseguire - conclude Luciolli - la missione assegnata ai C130 dell'Aeronautica Militare rischia di raggiungere rapidamente i medesimi insuccessi dell'Operazione Mare Nostrum''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari