martedì 24 gennaio | 12:19
pubblicato il 23/set/2015 17:48

Intesa nella maggioranza sulle riforme, ora c'è l'incognita Lega

Minoranza Pd soddisfatta. Da Calderoli 85 milioni di emendamenti

Intesa nella maggioranza sulle riforme, ora c'è l'incognita Lega

Roma, 23 set. (askanews) - La maggioranza e soprattutto il Pd, dopo ore di riunioni tra ieri e questa mattina, ha trovato l'intesa sulla riforma costituzionale. Un accordo che si traduce in soli tre emendamenti, sottoscritti dai tre capigruppo della maggioranza, Zanda, Zeller e Schifani, e dalla presidente della commissione, Anna Finocchiaro. L'emendamento clou è quello al fatidico articolo 2 (ossia al comma 5 dell'articolo 57 della Costituzione): sancisce che i senatori-consiglieri verrano scelti dai cittadini in occasione delle elezioni dei consigli con una modalità che verrà individuata poi con legge ordinaria.

Soluzione che piace alla minoranza dem, "se il Pd fa il Pd non c'è bisogno di Verdini", ha festeggiato Pier Luigi Bersani, che si augura di poter andare avanti a perfezionare la riforma "senza strappi". La mediazione convince anche Ncd. E' Gaetano Quagliariello a prendere la parola in Aula per dire che la proposta del listino separato per eleggere i consiglieri-senatori era stata presentata per primo dal suo gruppo.

Accordo anche sulla restituzione al Senato di alcune funzioni che nel passaggio alla Camera erano state modificate, come quella di raccordo tra lo Stato, il territorio e l'Unione europea e come quella di vaglio delle politiche pubbliche. Infine, torna al Senato il potere di eleggere due giUdici della Corte costituzionale.

Superato il primo scoglio, ora la maggioranza deve vedersela con algoritmo di Roberto Calderoli. Il senatore leghista che ha presentato oltre 85 milioni di emendamenti grazie ad un sistema elaborato al computer. "Quando si creano dei problemi c'è sempre pronta una soluzione - ha spiegato Calderoli -: se nelle prossime ore sull'articolo che riguarda le funzioni del Senato e sul federalismo (articolo 119) troveremo ascolto alle nostre richieste, credo che gli 82 milioni di emendamenti possono essere ritirati in tutto o in parte". "Noi non agiamo sotto ricatto, Calderoli lo deve capire questo, la politica è fatta di intese - ha avvertito il sottosegretario Luciano Pizzetti - noi siamo in attesa da ieri che Calderoli ci dica cosa vuole". Nel pomeriggio ci sarebbero stati i primi contatti tra le due parti per trovare una soluzione. Senza la quale c'è il rischio che occorrano tempi biblici per il vaglio da parte degli uffici, per non parlare del tanto atteso giudizio del presidente Grasso sull'ammissbilità.

Intanto domani è attesa in aula la replica del ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, e, solo dopo, una conferenza dei capigruppo stabilirà quando sarà possibile tornare in Aula. Realisticamente dalla prossima settimana, per iniziare a votare gli emendamenti, fermo restando che la deadline già fissata per l'ok alla riforma è il 15 ottobre.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
M5s
Grillo precisa testo:Trump-Putin statisti forti, bene se dialogano
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4