martedì 21 febbraio | 22:40
pubblicato il 15/set/2011 20:38

Intercettazioni/ Superata ipotesi decreto, Pdl: avanti col ddl

Bersani: Nuovo salva-premier non urge.Anm: impedire pubblicazioni

Intercettazioni/ Superata ipotesi decreto, Pdl: avanti col ddl

Roma, 15 set. (askanews) - Tanto rumore per nulla: la Procura di Bari ha depositato gli atti dell'inchiesta sulle escort e le temute intercettazioni delle parole di Silvio Berlusconi su ministri e private cittadine italiane e straniere non sono state trascritte. Sono gli stessi inquirenti baresi ad averlo precisato, facendo sapere in una nota che di centomila conversazioni sono state selezionate solo "quelle ritenute rilevanti ai fini dell'accusa". Ieri erano stati prima il Quirinale e poi lo stesso ministro della Giustizia Nitto Palma a scartare, secondo le ricostruzioni più accreditate, l'ipotesi di un decreto serale per bloccare immediatamente la pubblicazione degli imbarazzanti conversari del premier. Oggi il vicepresidente del Csm Michele Vietti ha ribadito che "non c'è bisogno di ricorrere ad un decreto legge" mentre "ci sono proposte già giacenti in Parlamento da molto tempo e le forze politiche possono, quando lo ritengono, confrontarsi". Superata la presunta emergenza, però, la riforma resta un obiettivo primario del Pdl, anche perché Berlusconi continua a sentirsi sotto assedio da parte dei magistrati. Oltre all'inchiesta barese, oggi si è riaperto un nuovo fronte, con la decisione del gip di Milano di chiedere a suo carico l'imputazione coatta (cioè contro il parere dei pm) per la vicenda dell'intercettazione Fassino-Consorte pubblicata sul Giornale. E resta da definire il contenzioso sull'invito a comparire della Procura di Napoli in relazione alla presunta estorsione a danno del premier: il Pdl, in una nuova interrogazione sull'inchiesta napoletana, è tornato a chiedere al guardasigilli di mandare gli ispettori a Napoli, denunciando "risvolti giudiziari ed effetti politici gravissimi" dell'indagine. Intercettazioni, quindi: "Il ddl era lì lì per essere approvato il 29 luglio di un anno fa. E' normale che l'abbiamo ricalendarizzato per fine mese", ha osservato l'azzurro Fabrizio Cicchitto. Ma il leader democratico Pier Luigi Bersani da Berlino ha lanciato un avvertimento: sono "impensabili e inaccettabili interventi d'urgenza ai fini del salvataggio del premier". L'Anm ha aperto all'istituzione dell'udienza stralcio per cancellare gli atti penalmente irrilevanti ed evitarne così la pubblicazione sui giornali, ma sulle intercettazioni il presidente del sindacato delle toghe Luca Palamara ribadisce che bisogna "impedirne la pubblicazione, non limitare l'uso di questo strumento investigativo importantissimo". Ma il leader dell'Idv Antonio Di Pietro è su posizioni più radicali: "Se il presidente del Consiglio dice ad una persona, nei cui confronti sta per essere spiccato un mandato di cattura: 'stai all'estero e non tornare in Italia', è bene che i cittadini ne siano informati perché devono sapere da chi sono governati". Il tema e i toni usati dai protagonisti preannunciano un nuovo probabile scontro in Parlamento e fuori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia