mercoledì 22 febbraio | 23:49
pubblicato il 18/giu/2012 15:13

Intercettazioni/ Severino: Nessun bavaglio alla stampa

Magistrato selezionerà gli atti pubblicabili

Intercettazioni/ Severino: Nessun bavaglio alla stampa

Roma, 18 giu. (askanews) - La Guardasigilli Paola Severino ha negato di aver intenzione di proporre una stretta sulla pubblicabilità delle intercettazioni tale da configurare una restrizione della libertà di informazione: "Nessun bavaglio alla stampa - ha affermato, parlando a margine di un convegno a Palazzo Marini - ho già detto che potrebbe esserci una fase, eventualmente anche molto anticipata, delle indagini in cui sarà il magistrato che selezionerà le notizie rilevanti dal punto di vista processuale e gli atti saranno pubblicabili; e una fase in cui questo non sarà possibile". "Sto studiando - ha precisato il ministro della Giustizia - questa riforma estremamente delicata: i punti più difficili da coordinare sono la tutela del diritto di informare, soprattutto quando si tratta di dare notizie che riguardino indagini delicate, e il diritto alla privacy. Occorre trovare questo equilibrio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech