lunedì 23 gennaio | 02:12
pubblicato il 05/ott/2011 21:00

Intercettazioni/ Ok a nuova stretta Pdl , Bongiorno lascia

"Non farò io la relatrice". Dietrofront sulla norma ammazza-blog

Intercettazioni/ Ok a nuova stretta Pdl , Bongiorno lascia

Roma, 5 ott. (askanews) - Sfuma la possibilità di un accordo tra maggioranza e Terzo Polo sul ddl intercettazioni: Pdl e governo tirano dritto sulla stretta alla pubblicazione delle intercettazioni telefoniche e Giulia Bongiorno lascia l'incarico di relatrice del testo che, l'anno scorso, quando ancora faceva parte del Pdl, aveva contribuito a mettere a punto in accordo con l'allora guardasigilli Angelino Alfano. "Quell'accordo è stato violato", spiega la presidente della commissione Giustizia di Montecitorio. "Il testo è cambiato e io non mi ci riconosco più". Relatore d'ora in poi sarà Enrico Costa - indicato dalla stessa Bongiorno e approvato a maggioranza in Commissione - autore del contestatissimo emendamento del Pdl che vieta la pubblicazione "anche parziale, per riassunto o per contenuto" delle intercettazioni fino all'udienza filtro (l'udienza cioè che stabilisce quali conversazioni sono rilevanti e quali no) e delle "richieste e delle ordinanze emesse in materia di misure cautelari". Una norma "inaccettabile" per il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, "un forte arretramento". "Un de profundis per il diritto di cronaca che lede gravemente i principi di completezza, tempestività e trasparenza dell'informazione", secondo la democratica Donatella Ferranti. Una norma che chiude la possibilità di un confronto con il terzo polo: "C'è una compressione inaccettabile del diritto di cronaca e non ci sono le condizioni per un nostro voto diverso dal no al ddl", spiega l'Udc Roberto Rao. Mentre Bongiorno rileva che "improvvisamente tutti quelli che avevano detto sì all'accordo" tra lei e Alfano secondo cui le intercettazioni fino all'udienza filtro sono pubblicabili sempre nel contenuto "hanno deciso di fare una brusca virata, il testo si è bloccato, non si è più votato, improvvisamente oggi viene stravolto. Io credo che se ogni tanto, anziché dire sempre sì al premier, gli si spiega il valore di un accordo, oggi avrebbero avuto il nostro sì, si sarebbe votato un testo condiviso". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4