domenica 19 febbraio | 23:06
pubblicato il 08/set/2011 18:08

Intercettazioni/ Nitto Palma: Niente decreto, velocizzare ddl

"Sulla materia, la penso come il capo dello Stato"

Intercettazioni/ Nitto Palma: Niente decreto, velocizzare ddl

Frascati (Rm), 8 set. (askanews) - Nessun decreto legge, ma "accelerazione dell'iter di approvazione del ddl intercettazioni, che giace alla Camera". Il ministro della Giustizia, Nitto Francesco Palma, risponde così ai cronisti che gli chiedono come farà il governo ad accelerare l'approvazione di una 'stretta' sulle intercettazioni e la loro pubblicazione, come chiesto dal presidente del Consiglio. "Non ho mai sentito parlare di un decreto legge", ha detto il ministro a margine della Summer School di Magna Charta e Italia protagonista. "Ma si può dire - ha detto - che sulle intercettazioni la penso esattamente come il capo dello Stato", che recentemente ha espresso alcune riserve sull'abuso di questo strumento strumento investigativo. In particolare, secondo Nitto Palma, "le intercettazioni devono essere l'estrema ratio" e non devono essere possibili, in buona sostanza, "quelle a strascico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia