martedì 21 febbraio | 05:07
pubblicato il 29/set/2011 17:34

Intercettazioni/ In piazza contro legge bavaglio,con poca gente

Folla di telecamere sotto il palco, sono più delle bandiere

Intercettazioni/ In piazza contro legge bavaglio,con poca gente

Roma, 29 set. (askanews) - Sarà che quasi ogni sito di informazione italiano ne trasmetteva la diretta streaming, sarà che in piazza del Pantheon, a Roma, c'erano trenta gradi e il sole picchiava forte, sarà forse che il popolo dell'era di internet partecipa più digitando che battendo mani e piedi, ma alla manifestazione romana contro la 'legge bavaglio', ovvero la riforma della normativa sulle intercettazioni, l'affluenza è stata piuttosto scarsa. Mentre sul palco si avvicendavano esponenti della Fnsi, del Popolo viola, dell'informazione generalista e non e dell'associazionismo più o meno politico, sotto, in piazza, ci sono state forse un centinaio di persone in tutto. Pochissime le bandiere - quella del Siulp, dei Verdi, di una compagine di pensionati e della Pace (immancabile in tempi di lotta) - nonostante un lunghissimo elenco di promotori, elenco che partiva dalla Cgil per arrivare alla Fnsi, passando per il Popolo Viola e una ridda di associazioni. Rappresentanti dei 'soliti noti' della protesta tanti, ma esponenti della politica, quella che conta, neanche l'ombra. In piazza, solo quelle che in gergo parlamentare si chiamano 'terze file', e non se ne abbia a male chi c'era, ma il diritto di chiamare le cose col loro nome è parte integrante di quel 'Senza Bavaglio' che si stagliava su ogni cartello presente. A testimonianza, però, che le proteste della rete si muovono più in digitale che sul territorio, il fatto che, attorno al palco, ci fosse una moltitudine di postazioni per la trasmissione in streaming di quanto e avvenuto a Roma. Eppure, delusione per chi, cronista occasionale o semplice curioso, si aspettava 'furor di popolo' e battaglia per la verità. Mosse dai titoli dei siti d'informazione ("Ddl Intercettazioni, oggi in piazza Cgil:"Non toccate l'informazione", Repubblica.it; "Intercettazioni, "giornalisti e blogger pronti a non rispettare la legge", apertura di Corriere.it), alcune persone sono scese in piazza. Erano loro, in un angolo vicino al Mac Donald, a essere i più contrariati, perchè oggi "bisognava esserci". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia