venerdì 20 gennaio | 03:38
pubblicato il 29/set/2011 17:34

Intercettazioni/ In piazza contro legge bavaglio,con poca gente

Folla di telecamere sotto il palco, sono più delle bandiere

Intercettazioni/ In piazza contro legge bavaglio,con poca gente

Roma, 29 set. (askanews) - Sarà che quasi ogni sito di informazione italiano ne trasmetteva la diretta streaming, sarà che in piazza del Pantheon, a Roma, c'erano trenta gradi e il sole picchiava forte, sarà forse che il popolo dell'era di internet partecipa più digitando che battendo mani e piedi, ma alla manifestazione romana contro la 'legge bavaglio', ovvero la riforma della normativa sulle intercettazioni, l'affluenza è stata piuttosto scarsa. Mentre sul palco si avvicendavano esponenti della Fnsi, del Popolo viola, dell'informazione generalista e non e dell'associazionismo più o meno politico, sotto, in piazza, ci sono state forse un centinaio di persone in tutto. Pochissime le bandiere - quella del Siulp, dei Verdi, di una compagine di pensionati e della Pace (immancabile in tempi di lotta) - nonostante un lunghissimo elenco di promotori, elenco che partiva dalla Cgil per arrivare alla Fnsi, passando per il Popolo Viola e una ridda di associazioni. Rappresentanti dei 'soliti noti' della protesta tanti, ma esponenti della politica, quella che conta, neanche l'ombra. In piazza, solo quelle che in gergo parlamentare si chiamano 'terze file', e non se ne abbia a male chi c'era, ma il diritto di chiamare le cose col loro nome è parte integrante di quel 'Senza Bavaglio' che si stagliava su ogni cartello presente. A testimonianza, però, che le proteste della rete si muovono più in digitale che sul territorio, il fatto che, attorno al palco, ci fosse una moltitudine di postazioni per la trasmissione in streaming di quanto e avvenuto a Roma. Eppure, delusione per chi, cronista occasionale o semplice curioso, si aspettava 'furor di popolo' e battaglia per la verità. Mosse dai titoli dei siti d'informazione ("Ddl Intercettazioni, oggi in piazza Cgil:"Non toccate l'informazione", Repubblica.it; "Intercettazioni, "giornalisti e blogger pronti a non rispettare la legge", apertura di Corriere.it), alcune persone sono scese in piazza. Erano loro, in un angolo vicino al Mac Donald, a essere i più contrariati, perchè oggi "bisognava esserci". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale