mercoledì 07 dicembre | 13:57
pubblicato il 05/ott/2011 05:10

Intercettazioni/ In Aula Camera 440 emendamenti,cambia norma blog

Da Pdl stretta a stampa. Ma è Lega a volere black out più esteso

Intercettazioni/ In Aula Camera 440 emendamenti,cambia norma blog

Roma, 5 ott. (askanews) - Sono circa 440 gli emendamenti presentati in Aula alla Camera al ddl intercettazioni: la maggior parte arrivano dal Pd mentre dal Pdl arriva da un lato una ulteriore stretta alla pubblicazione delle conversazioni telefoniche e dall'altro la modifica della contestatissima norma ammazza-blog. Con una proposta a prima firma Cassinelli l'obbligo di rettifica entro 48 ore resta solo per le testate on line. Per gli altri siti informatici, recita il testo, "il termine è di dieci giorni e decorre dal momento in cui vi è, per il soggetto che ha pubblicato il contenuto, il quale agisce anche in forma anonima, conoscibilità della richiesta di rettifica, che non è valida se inoltrata con mezzi per cui non sia possibile verificarne l'effettiva ricezione da parte del destinatario. Non possono essere oggetto di richiesta di rettifica quei contenuti che, per la loro natura, sono destinati ad un limitato numero di utenti, oppure che si qualificano in concreto quali commenti, corredi o accessori di un terzo contenuto principale. Qualora ragioni tecniche ostino alla pubblicazione di una nota in calce al contenuto oggetto della richiesta di rettifica, colui che lo ha pubblicato indica all'autore della richiesta il recapito di altro soggetto avente la disponibilità tecnica di procedervi, oppure pubblica la nota con la stessa visibilità e le stesse caratteristiche grafiche del contenuto a cui fa riferimento". La mancata rettifica, stabilisce l'emendamento Cassinelli, "per i contenuti diffusi sulla rete internet, purché non siano gestiti dalla redazione di una testata registrata presso la cancelleria del tribunale e purché la gestione del sito internet non costituisca attività imprenditoriale per il suo gestore o editore, la sanzione amministrativa va da euro 250 a euro 2.500. La sanzione va da euro 100 a euro 500 quando, se non si tratta di sito internet gestito dalla redazione di una testata registrata presso la cancelleria del tribunale ai sensi dell'articolo 5, è indicato un valido indirizzo di posta elettronica certificata a cui trasmettere comunicazioni e richieste di rettifica". Tuttavia nel fascicolo degli emendamenti ce n'è anche uno a firma Manlio Contento che invece lascia l'obbligo di rettifica entro 48 ore per tutti i siti internet stabilendo che tali rettifiche vanno pubblicate "attraverso la creazione, nella pagina principale, di un link appositamente dedicato, con accesso diretto e nel quale le medesime sono conservate, secondo l'ordine di pubblicazione, per un periodo non inferiore a 30 giorni". Per quanto riguarda i limiti alla pubblicazione dal Pdl arrivano diversi emendamenti: quello meno restrittivo, ma che comunque rappresenta una stretta rispetto al testo Bongiorno in Aula, è firmato da Enrico Costa e Manlio Contento e vieta "la pubblicazione, anche parziale, per riassunto o nel contenuto, della documentazione e degli atti relativi a conversazioni, anche telefoniche, o a flussi di comunicazioni informatiche o telematiche ovvero ai dati riguardanti il traffico telefonico o telematico, anche se non più coperti dal segreto, fino alla conclusione dell'udienza di cui all'articolo 268, comma 6-ter", la cosiddetta udienza filtro. Inoltre "è vietata la pubblicazione, anche parziale, per riassunto o nel contenuto, delle richieste e delle ordinanze emesse in materia di misure cautelari". Ma Contento firma anche un altro emendamento che ripropone fedelmente il ddl Mastella vietando la pubblicazione delle intercettazioni "fino alla conclusione delle indagini preliminari ovvero fino al termine dell'udienza preliminare". A sorpresa un ulteriore black out arriva dal leghista Luca Paolini che propone il divieto della pubblicazione di intercettazioni "fino alla dichiarazione di apertura del dibattimento".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni