lunedì 05 dicembre | 10:24
pubblicato il 25/giu/2011 05:14

Intercettazioni/ Governo avanti, Bersani apre ma pone condizioni

Spunta ipotesi stralcio norme su pubblicabilità

Intercettazioni/ Governo avanti, Bersani apre ma pone condizioni

Roma, 25 giu. (askanews) - La situazione italiana delle intercettazioni "non è da Paese civile": lo ha ribadito Silvio Berlusconi ieri da Bruxelles, commentando le rivelazioni dell'inchiesta P4, e il Pdl si attrezza a rilanciare la battaglia per una legge che le blocchi. Il ministro Alfano ha smentito le ipotesi circolate finora: "Noi - ha precisato - non intendiamo fare un decreto né orientare la prua in direzione diversa dal ddl che è stato già discusso alla Camera il 29 luglio 2010". Gli ha fatto eco il ministro degli Esteri Franco Frattini, per il quale è possibile approvarlo "entro agosto". Il Pdl però al momento punta sui limiti alla stampa più che su una secca restrizione delle intercettazioni che gli inquirenti possono disporre: "In alcuni casi pubblicarle è anche un reato", ha ammonito Alfano, per il quale tuttavia "le intercettazioni si devono fare, sono un servizio giusto, servono a scoprire i criminali". Il Pd ha provato a dare un segnale di apertura, fissando però dei paletti: no al ritorno al ddl Mastella, di cui pure s'è parlato, no al decreto. "Noi - ha ricordato il leader democratico Pier Luigi Bersani - abbiamo presentato già da tempo un ddl che porta il problema alla fonte, con meccanismi per cui non vengano divulgate intercettazioni che non ha senso divulgare, che incidono sulla privacy senza avere attinenza con le indagini. Ricordo che l'ultimo confronto abortì perché si mettevano meccanismi che inibivano l'acquisizione della prova, e non si può affrontare il tema a valle, intervenendo sulla stampa". Il 'testo Camera', però, frutto di un compromesso con i finiani, si era arenato dopo lo strappo definitivo del presidente della Camera: troppo blando per gli ultrà berlusconiani, indigeribile perché troppo restrittivo per le opposizioni. E allora una delle ipotesi in campo per accelerare il giro di vite sulle intercettazioni è quella di stralciare parte del ddl in Aula alla Camera per portare all'approvazione soltanto gli articoli relativi al divieto di pubblicazione e lasciar cadere la modifica delle norme sui limiti, l'ammissibilità e i presupposti delle intercettazioni più difficili da far digerire alle toghe.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari