martedì 17 gennaio | 04:41
pubblicato il 09/apr/2011 14:20

Intercettazioni/ Berlusconi: Ora siamo uno Stato di polizia

Non è libero se cittadino ritrova sue parole su giornali

Intercettazioni/ Berlusconi: Ora siamo uno Stato di polizia

Roma, 9 apr. (askanews) - Con le norme attuali sulle intercettazioni siamo allo stato di polizia. Lo ha ribadito il Premier, Silvio Berlusconi, alla convention di ex Dc e Psi del Pdl: "Non è uno Stato libero e civile quello in cui il cittadino al telefono non ha la sicurezza di non essere intercettato quando e di ritrovare le sue parole sui giornali. Non è libertà, è uno stato di polizia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello