lunedì 16 gennaio | 17:03
pubblicato il 29/gen/2014 14:24

Inps: Commissione a Giovannini, consideraree anche commissariamento

(ASCA) - Roma, 29 gen 2014 - Accelerare la riforma della governance dell'Inps anche attraverso un periodo di commissariamento. E' quanto chiede al ministro dell'Welfare, Enrico Giovannini, il presidente della Commissione Bicamerale di controllo sulle attivita' degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, Lello Di Gioia, in una lettera i cui contenuti sono resi noti in un comunicato stampa. Tra i principali temi della lettera, la cui stesura e' avvenuta sentiti i membri della Commissione, il processo di revisione del sistema di governance dell'Inps e di riordino del Consiglio di indirizzo e vigilanza dello stesso, insieme all'adozione di correttivi volti a ripristinare un assetto di migliore equilibrio e di maggiore chiarezza nel reparto delle competenze.

''La razionalizzazione del settore degli enti previdenziali, con la soppressione dell'Inpdap e dell'Enpals e il trasferimento delle relative funzioni all'Inps, - si legge - ha portato alla creazione di un unico ente avente competenza su tutto il settore previdenziale, ponendo un problema di riforma della governance di detto ente'', si legge nella lettera, che prosegue ''i poteri decisori sono attualmente concentrati in capo al Presidente dell'Inps, che ha assorbito le funzioni del Consiglio di amministrazione.'' La Commissione intende acquisire le risultanze dei rapporti che, previa verifica di attuazione del Presidente dell'Inps e con cadenza quadrimestrale, sono predisposti al ministero del Lavoro e e quello dell'Economia e Finanze, in ordine allo stato di avanzamento del processo di riordino. In tema di governance dell'Inps, riporta la lettera, il Dpcm dell'8 agosto 2013, ha provveduto a rinnovare per un quadriennio il Consiglio di indirizzo e vigilanza Inps, e la Corte dei Conti ha sottolineato, nella determinazione n.

101/2013 che ''la naturale scadenza del Presidente dell'Istituto, che ha fatto seguito alla devoluzione, con un analogo atto di urgenza, dei poteri del soppresso Consiglio di amministrazione e il conferimento di ulteriori compiti di riorganizzazione e verifica, hanno aperto spazi di interferenza con le attribuzione riservate alla dirigenza e allo stesso organo rappresentativo di indirizzo e vigilanza.'' Tale situazione oggettiva, prosegue la lettera, e' inoltre ''resa problematica dalla titolarita', da parte dell'attuale Presidente dell'Inps, di una molteplicita' di incarichi societari, per i quali si pone il tema della sussistenza di fattispecie di incompatibilita' oltre che di conflitto di interessi''. Nella lettera si chiede quindi ''quali sono gli orientamenti del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, in merito alla questioni esposte, e se non ritenga necessario accellerare la revisione del sistema di governance dell'Inps, anche attraverso un periodo di commissariamento dello stesso, attesa anche l'urgenza di risolvere i pressanti problemi organizzavi che riguardano il processo ancora lontano dal completamento della fusione tra l'Inps e l'Inpdap''. com-sgr/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow