giovedì 08 dicembre | 05:59
pubblicato il 11/lug/2014 14:16

Infrastrutture/Senato: Lupi, sinergia aeroporti per rilancio sistema

(ASCA) - Roma, 11 lug 2014 - Ogni aeroporto individuato dal piano nazionale e' stato valutato in relazione al contributo che puo' offrire all'interno del suo bacino di traffico e l'introduzione della ulteriore categoria degli aeroporti strategici all'interno dei bacini di traffico non comporta il declassamento degli altri scali che, come nel caso di Torino e Bergamo, restano importanti aeroporti di interesse nazionale, ma devono tuttavia integrarsi all'interno del piu' vasto bacino di traffico con l'aeroporto di riferimento che, nel caso particolare, e' quello di Malpensa. A chiarire il criterio scelto per la definizione del piano nazionale degli aeroporti e il ruolo che ogni scalo e' chiamato a svolgere e' stato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi tornato l'8 luglio in commissione Lavori pubblici del Senato per proseguire l'audizione incentrata proprio sul tema aeroportuale.

Lupi, oltre a ribadire che il piano sara' adottato attraverso uno schema di decreto del Presidente della Repubblica che ha chiesto sia messo quanto prima all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri, ha spiegato che per poter essere definito ''aeroporto di interesse nazionale'', uno scalo deve rispettare contemporaneamente i requisiti della vocazione di mercato e dell'equilibrio economico-finanziario. Requisiti che possono essere derogati nel caso in cui un aeroporto garantisca funzioni di continuita' territoriale in relazione a particolari situazioni locali. Quanto alla diversa classificazione degli scali, ogni aeroporto individuato dal piano e' stato valutato in relazione al contributo che puo' offrire all'interno del suo bacino di traffico. Cosi' ad esempio l'aeroporto di Salerno, attraverso una sinergia con Napoli, puo' acquistare una sua vocazione importante all'interno del bacino Campania.

L'obiettivo finale, ha sottolineato il ministro, e' quello di consentire il rilancio del sistema aeroportuale, nel quale anche le regioni potranno avere una loro funzione precisa, favorendo l'integrazione tra i diversi scali come ad esempio gia' avvenuto in Puglia. Nel corso dell'audizione Lupi si e' soffermato anche sull'accordo tra Alitalia ed Etihad a suo avviso strategico per rilanciare l'intero settore del trasporto aereo in Italia. Il piano industriale conseguente all'accordo prevede due fasi: la prima, dal 2015 al 2017, servira' a riposizionare la compagnia di bandiera e a raggiungere il pareggio di bilancio, mentre la seconda, dal 2018 al 2020, dovrebbe vedere l'ulteriore sviluppo della nuova societa'.

Per quanto riguarda la prima fase, l'aspetto essenziale e' il riposizionamento di Alitalia dai voli di corto raggio a quelli di medio e lungo raggio: i collegamenti aerei a lunga distanza sono infatti la vocazione naturale del trasporto aereo italiano, in quanto sulle tratte a breve distanza e' ormai impossibile misurarsi con la concorrenza delle compagnie a basso costo. In questa fase saranno investiti 560 milioni di euro per la patrimonializzazione della societa' e ulteriori 660 milioni per le dotazioni tecniche, tra cui anche per l'acquisto di nuovi aeromobili. lcp/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni