sabato 10 dicembre | 15:47
pubblicato il 26/ott/2013 11:03

Infrastrutture/Senato: legge stabilita', al vaglio misure per settore

(ASCA) - Roma, 26 ott - La legge di stabilita' ha iniziato in settimana il suo iter parlamentare e la commissione Lavori pubblici del Senato ne ha avviato l'esame per le parti di competenza che comprendono anche la tabella del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Con l'articolo 4 dedicato proprio al settore, la legge di stabilita' autorizza - tra l'altro - una spesa di 335 mln di euro per la manutenzione straordinaria della rete stradale per l'anno 2014 e la prosecuzione degli interventi previsti dai contratti di programma gia' stipulati tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e la societa' ANAS Spa; una spesa di 50 mln di euro per l'anno 2014, di 170 mln di euro per l'anno 2015 e di 120 mln di euro per l'anno 2016 per la realizzazione del secondo stralcio del Macrolotto 4 dell'asse autostradale Salerno-Reggio Calabria; finanziamenti per la prosecuzione dei lavori per il Mose e il suo completamento (200 mln per il 2014, 100 mln per il 2015, 71 mln per il 2016 e 30 mln per il 2017. Per assicurare la continuita' dei lavori di manutenzione straordinaria della rete ferroviaria inseriti nel contratto di servizio 2012-2014 tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e la societa' RFI, e' poi autorizzata una spesa di 500 mln di euro per l'anno 2014, mentre 50 mln sono destinati nel 2015 e nel 2016 a finanziare l'asse ferroviario AV/AC Napoli-Bari, ed in particolare per il completamento della tratta Cancello-Frasso Telesino e della variante alla linea Roma-Napoli. Ancora, per l'avvio immediato di interventi di adeguamento del tracciato e la velocizzazione dell'asse ferroviario Bologna-Lecce, si autorizza la spesa di 50 mln di euro per l'anno 2014 e di 150 mln di euro per ciascuno degli anni 2015 e 2016. Il Mit non sfugge ai tagli che la legge di stabilita' opera sulle spese della pubblica amministrazione. Le somme relative alle spese rimodulabili accantonate e rese indisponibili per il Ministero, fatte le risorse destinate all'Expo 2015, ammontano a 38 mln per il 2015 e a 86,7 mln per il 2016 e anni successivi., mentre si aggirano sui 7 milioni annui i tagli ai consumi intermedi. Quanto al bilancio, lo stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dispone uno stanziamento complessivo di 12,3 mld di euro di competenza per il 2014, di cui circa 6,9 mld relativi alle spese correnti e poco piu' di 5,4 mld alle spese in conto capitale. Il presidente della Commissione Altero Matteoli ha espresso un giudizio positivo sull'impianto della manovra considerando la difficolta' complessiva che il Paese sta attraversando. L'esame proseguira' la prossima settimana.

lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Governo
Berlusconi domani da Mattarella: Fi a opposizione ma responsabile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina