sabato 25 febbraio | 11:01
pubblicato il 07/feb/2014 10:43

Infrastrutture/Senato: autostrade, AGI per revisione project financing

(ASCA) - Roma, 7 feb 2014 - La legge obiettivo, che ha introdotto lo strumento della concessione e del partenariato pubblico-privato, ha in parte deluso le aspettative. A dirlo Mario Lupo, presidente dell'Associazione Imprese Generali - che raggruppa le maggiori imprese di costruzione italiane - nel corso dell'audizione svolta il 4 febbraio davanti alla commissione Lavori pubblici del Senato nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulle concessioni autostradali.

Secondo il numero uno dell'AGI sarebbe stata necessaria una piu' risoluta determinazione da parte del Governo per far funzionare tutto il sistema, oltre a una piena collaborazione del sistema bancario senza la quale ''e' del tutto impossibile costruire il piano di copertura finanziaria di qualsiasi operazione nel settore''. A suo avviso, finora e' mancata una governance piu' chiara e autorevole del partenariato pubblico-privato, che avrebbe dovuto riconoscere un ruolo piu' centrale e incisivo al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Per Lupo e' essenziale riprendere lo sviluppo della rete autostradale, che rappresenta un attivo strategico per l'intero Paese e soffre ormai di gravi ritardi, anche in confronto ad altri Paesi europei (ad esempio la Francia). Per raggiungere tale risultato, occorre disporre di tutti gli strumenti tecnici e normativi adeguati, rivedendo anche la legislazione relativa agli affidamenti in concessione penalizzati da tempi troppo lunghi. Un'occasione importante per rivedere la normativa del settore per Lupo potrebbe essere l'adozione e il recepimento della proposta di direttiva europea in materia di concessioni attualmente in corso di esame presso il Parlamento europeo, che prevede tra l'altro una parte specifica sulle concessioni di realizzazione e gestione di opere, lasciando il concessionario libero di decidere come eseguire o affidare le varie parti dell'opera. Un aspetto, questo, che dovrebbe essere integralmente conservato all'atto del recepimento della direttiva nell'ordinamento italiano.

Naturalmente - ha sottolineato Lupo - spetta alle istituzioni politiche scegliere la via da seguire per aggiornare la normativa, ma per il presidente dell'AGI occorre assicurare maggiore efficienza e flessibilita' del sistema, riducendo in particolare i tempi troppo lunghi di affidamento delle concessioni, che impediscono qualsiasi previsione di carattere economico-finanziario, dato che le variabili di riferimento mutano continuamente.

lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech