martedì 17 gennaio | 20:24
pubblicato il 29/nov/2013 16:13

Infrastrutture/Camera: ok legge quadro interporti, testo passa al Senato

(ASCA) - Roma, 29 nov - Con 335 voti favorevoli, 78 contrari e 5 astensioni l'Aula della Camera il 26 novembre ha approvato la legge quadro in materia di interporti e piattaforme logistiche territoriali. Il testo - gia' trasmesso al Senato - definisce come piattaforma logistica territoriale il compendio di infrastrutture e servizi presenti su un territorio interregionale con lo scopo di favorire l'interconnessione e la competitivita' del Paese e, come interporto, il complesso di infrastrutture e servizi integrati di rilevanza nazionale gestito da un soggetto imprenditoriale per lo scambio di merci tra le diverse modalita' di trasporto, comprendente uno scalo ferroviario idoneo a ricevere o formare treni completi e in collegamento con porti, aeroporti e vie di grande comunicazione. Al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e' affidato il compito, sentito il Comitato nazionale per l'intermodalita' e la logistica - presieduto dal ministro, di cui fanno parte i presidenti delle Regioni in cui si trovano le piattaforme e che ha compiti di indirizzo, programmazione e coordinamento di tutte le iniziative inerenti allo sviluppo delle piattaforme - di effettuare una ricognizione degli interporti e delle infrastrutture intermodali esistenti o in via di realizzazione. Ed e' sempre il Mit che elabora il Piano generale per l'intermodalita', previa intesa in sede di Conferenza unificata e sentito il parere delle competenti commissioni parlamentari, e determina l'ambito di influenza di ogni piattaforma logistica territoriale in coerenza con i corridoi transeuropei.

L'individuazione di nuovi interporti e' vincolata al rispetto di una serie di requisiti che anche gli interporti gia' operativi o in corso di realizzazione, entro tre anni dall'entrata in vigore della legge, devono dimostrare di possedere. In base all'articolo 5 la gestione di un interporto costituisce attivita' di prestazione di servizi e rientra fra le attivita' di natura commerciale e i gestori operano in regime di diritto privato. Entro il 31 maggio di ogni anno il ministro, sentito il Comitato, individua, in ordine di priorita', i progetti relativi alla realizzazione e all'implementazione degli interporti, delle infrastrutture intermodali e delle piattaforme logistiche territoriali. I progetti sono approvati mediante accordi di programma, che devono essere perfezionati entro 4 mesi altrimenti si perdono i finanziamenti. lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa