lunedì 23 gennaio | 14:25
pubblicato il 18/lug/2014 13:48

Infrastrutture: Province a Lupi, investimenti fuori da patto stabilita'

(ASCA) - Roma, 18 lug 2014 - ''Nel 2013 le Province hanno destinato 2,1 miliardi di euro per la costruzione, la manutenzione e la messa in sicurezza dei 130 mila chilometri di strade provinciali che gestiscono. Di queste risorse, 1,2 miliardi sono stati utilizzati per investimenti, il 50% del totale delle opere cantierate dalle Province. Ma tra i tagli operati con le manovre economiche e con la spending review e i limiti imposti dal patto di stabilita' interno, la possibilita' di investire delle Province si e' ridotta drasticamente, con evidenti ripercussioni sia ai danni dei servizi ai cittadini che per l'economia locale. Per questo chiediamo al Ministro Lupi di sostenere nel Governo la nostra richiesta di escludere le spese per gli investimenti in infrastrutture dal patto di stabilita'''. E' la proposta - riferisce una nota - avanzata dal Presidente del'Upi, Alessandro Pastacci insieme al Presidente della Provincia di Milano Guido Podesta', in un incontro avuto con il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi. com-stt (ASCA) - Roma, 18 lug 2014 - ''I tagli ai bilanci e i limiti del patto di stabilita' stanno creando vere e proprie emergenze nelle Province: ormai - hanno detto i presidenti dell'Upi e della Provincia di Milano al ministro delle Infrastrutture, Lupi - in molte realta' non solo e' impossibile assicurare gli interventi urgenti, ma soprattutto non siamo piu' in grado di programmare la manutenzione per i prossimi mesi, a partire dai piani neve per la rete viaria provinciale. In questa situazione da una parte si riducono i servizi ai cittadini, dall'altra aumenta l' insicurezza e l'impraticabilita' della rete stradale, con il rischio di isolare porzioni intere di territorio e delle loro collettivita'. ''C'e' bisogno - hanno concluso i Presidenti - di un piano straordinario di investimenti sulle infrastrutture di comunicazione, che superi i ritardi e la marginalizzazione che ancora persistono in alcune aree del Paese, colmi il gap infrastrutturale che caratterizza il Mezzogiorno e contribuisca fattivamente alla crescita delle competitivita'''.

com-stt/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4