domenica 04 dicembre | 09:16
pubblicato il 22/giu/2011 20:31

Infanzia/ Ok definitivo unanime dal Senato, il Garante è legge

Polemiche Pdl-Carfagna per ok a odg Lega su sede anche non a Roma

Infanzia/ Ok definitivo unanime dal Senato, il Garante è legge

Roma, 22 giu. (askanews) - Con voto unanime per alzata di mano l'aula del Senato ha approvato definitivamente la legge che istituisce l'Autorità garante per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. La sede della nuova Authority, il cui Presidente dovrà essere nominato d'intesa fra i Presidenti dei due rami del Parlamento con un mandato di quattro anni, dovrà essere messa a disposizione dalla Presidenza del Consiglio. Su questo tema in Senato si è acceso il solo scontro su una legge per il resto fin dall'inizio assolutamente bipartisan, essendo stato proposto dalla Lega e accolto dal ministro per le Pari Opprtunità Mara Carfagna un ordine del giorno che impegna il Governo a valutare la possibilità di una città diversa da Roma quale sede della nuova authority. Una scelta, quella del ministro, duramente criticata dalle opposizioni e, con una presa di posizione congiunta, da un nutrito gruppo di senatori del Pdl. "Sono contrario all'ordine del giorno della Lega e alla modifica richiesta dal ministro Carfagna in base alla quale Roma potrebbe essere esclusa come sede dell'Autorità Garante per l'Infanzia. E' un atteggiamento - ha denunciato il senatore del Pdl, Cesare Cursi, presidente della Commissione Industria- incomprensibile, anche perché l'ufficio dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza si trova presso la Presidenza del Consiglio" "A margine dell'approvazione unanime di un provvedimento significativo come quello per l'istituzione dell'Autorità garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, - hanno affermato i senatori Domenico Benedetti Valentini, Cesare Cursi, Mauro Cutrufo, Maurizio Castro, Francesco Bevilacqua, Cristiano De Eccher, Gennaro Coronella - si deve purtroppo registrare l'accoglimento, invero piuttosto precipitoso, da parte del ministro Carfagna di un ordine del giorno presentato da alcuni senatori della Lega Nord, volto ad allontanare in ogni caso da Roma la sede della nuova Authority. Va sottolineato che, per le modalità con cui è avvenuto l'accoglimento, l'Aula non ha potuto votare su questo ordine del giorno. Pertanto, per parte nostra, consideriamo tale documento irrilevante e non impegnativo, tenuto anche conto che la legge approvata prevede che la sede e il funzionamento dell'Authority siano a carico, senza maggiori oneri di finanza pubblica, della Presidenza del Consiglio. Né si comprende quale beneficio possa derivare dall'allontanamento da Roma di un'Authority, quella per l'infanzia, della quale già si prevede l'articolazione in tutte le regioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari