lunedì 05 dicembre | 14:04
pubblicato il 10/giu/2013 11:57

Infanzia: Garante, fallite politiche finora adottate. Attenzione scarsa

(ASCA) - Roma, 10 giu - Sono fallite le politiche adottate in Italia per l'infanzia e l'adolescenza. E' quanto ha detto il Garante per l'Infanzia, Vincenzo Spadafora, presentando oggi a Roma la Relazione Annuale. La classe dirigente politica del nostro Paese - ha detto - deve cambiare atteggiamento nei confronti dei temi dell'infanzia e dell'adoloscenza. Deve avviare un nuovo corso o consegneremo al futuro un Paese disintegrato socialmente ma soprattutto avremo emarginato le nuove generazioni. Addirittura oggi 1 su 4 ne' lavorano ne' studiano e mi chiedo cosa debba ancora accadere nel nostro Paese per capire che per uscire dalla crisi l'investimento sulle nuove generazione e' davvero findamentale''. ''In questi anni - ha aggiunto - abbiamo assistito a tagli continui da parte di tutti i governi, di centro destra e centro sinistra, nei confronti della scuola, dei servizi sociali, dei comuni e delle regioni che avrebbero dovuto mantenere servizi essenziali. Oggi ci svegliamo in un Paese ancora piu' povero e in affanno, come e' stato possibile non capirlo? La crisi interbazionale e' un dato di fatto ma noi stiamo vivendo una sitiazione peggiore, Paesi come Francia e Germania hanno fatto scelte diverse e hanno deciso di reggere l'impatto non tagliando ma anzi investendo di piu' sulle giovani generazioni e la famiglia''. In Italia, ha avvertito, ''il sistema cosi' com'e' non regge piu'.

In base agli ultimi dati Istat, il 7% dei minorenni italiani, pari a 723.000 ragazzi, vive in condizioni di poverta' assoluta. Le percentuali variano a seconda delle aree del Paese: la quota e' del 10,9% nel Mezzogiorno, a fronte del 4,7% nel Centro e nel Nord. ''Ma il dato che piu' di altri ci aiuta ad individuare il fallimento delle politiche sinora adottate - scrive il garante nella Relazione - e' quello relativo al rischio di poverta' ed esclusione sociale per i bambini e gli adolescenti che vivono in famiglie con tre o piu' minorenni: esso e' pari al 70% nel Mezzogiorno a fronte del 46,5% a livello nazionale. Settanta su cento minorenni che nascono in una famiglia numerosa del Mezzogiorno d'Italia rischiano di essere poveri''.

mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari