lunedì 05 dicembre | 18:22
pubblicato il 03/apr/2016 15:42

Inchiesta Potenza, Renzi: se i pm mi vogliono sentire sono pronto

"Chi sbaglia paga, i magistrati facciano il massimo sforzo"

Inchiesta Potenza, Renzi: se i pm mi vogliono sentire sono pronto

Roma, 3 apr. (askanews) - Se i magistrati "mi voglio interrogare" sulle opere pubbliche "sono qui, anche oggi pomeriggio". Lo dice il premier, Matteo Renzi, durante 'In mezz'ora'.

"Vorrei chiarire - aggiunge - che l'indagine non riguarda il dovere di sbloccare le opere pubbliche: a noi i cittadini ci pagano per questo. Altro è se qualcuno ha pagato tangenti e in quel caso voglio che si scopra e chiedo ai magistrati di fare il massimo degli sforzi. Chi sbaglia paga".

Renzi insiste sul fatto di non essere stato a conoscenza prima dell'indagine. "Lo rivendico, rivendico - sottolinea - il fatto che un presidente del Consiglio dica ai magistrati 'lavorate'. Ne abbiamo avuti troppi di presidenti del Consiglio che mettevano il becco".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari