domenica 22 gennaio | 09:41
pubblicato il 03/apr/2016 15:42

Inchiesta Potenza, Renzi: se i pm mi vogliono sentire sono pronto

"Chi sbaglia paga, i magistrati facciano il massimo sforzo"

Inchiesta Potenza, Renzi: se i pm mi vogliono sentire sono pronto

Roma, 3 apr. (askanews) - Se i magistrati "mi voglio interrogare" sulle opere pubbliche "sono qui, anche oggi pomeriggio". Lo dice il premier, Matteo Renzi, durante 'In mezz'ora'.

"Vorrei chiarire - aggiunge - che l'indagine non riguarda il dovere di sbloccare le opere pubbliche: a noi i cittadini ci pagano per questo. Altro è se qualcuno ha pagato tangenti e in quel caso voglio che si scopra e chiedo ai magistrati di fare il massimo degli sforzi. Chi sbaglia paga".

Renzi insiste sul fatto di non essere stato a conoscenza prima dell'indagine. "Lo rivendico, rivendico - sottolinea - il fatto che un presidente del Consiglio dica ai magistrati 'lavorate'. Ne abbiamo avuti troppi di presidenti del Consiglio che mettevano il becco".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4