domenica 19 febbraio | 17:53
pubblicato il 03/apr/2016 15:42

Inchiesta Potenza, Renzi: se i pm mi vogliono sentire sono pronto

"Chi sbaglia paga, i magistrati facciano il massimo sforzo"

Inchiesta Potenza, Renzi: se i pm mi vogliono sentire sono pronto

Roma, 3 apr. (askanews) - Se i magistrati "mi voglio interrogare" sulle opere pubbliche "sono qui, anche oggi pomeriggio". Lo dice il premier, Matteo Renzi, durante 'In mezz'ora'.

"Vorrei chiarire - aggiunge - che l'indagine non riguarda il dovere di sbloccare le opere pubbliche: a noi i cittadini ci pagano per questo. Altro è se qualcuno ha pagato tangenti e in quel caso voglio che si scopra e chiedo ai magistrati di fare il massimo degli sforzi. Chi sbaglia paga".

Renzi insiste sul fatto di non essere stato a conoscenza prima dell'indagine. "Lo rivendico, rivendico - sottolinea - il fatto che un presidente del Consiglio dica ai magistrati 'lavorate'. Ne abbiamo avuti troppi di presidenti del Consiglio che mettevano il becco".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia