martedì 28 febbraio | 04:21
pubblicato il 02/apr/2016 18:23

Inchiesta Potenza, Renzi: chi ruba in carcere, no processi piazza

"Ma chi attacca tutto il Pd è giusto ne risponda"

Inchiesta Potenza, Renzi: chi ruba in carcere, no processi piazza

Roma, (askanews) - "Chi ruba va a casa, anzi in carcere, perché chi ruba non sta semplicemente rubando qualcosa ma il futuro. Chi ruba lo decidono le sentenze non i tribunali di una piazza. Ma quando si cerca di buttarla in rissa rispetto a una comunità come è il Pd, quando scrivono 'sono tutti complici e

collusi', è giusto che chi dice questo ne risponda nelle sedi opportune". Lo afferma il premier Matteo Renzi a Classe dem, parlando degli attacchi al Pd sul caso Guidi.

Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech