martedì 21 febbraio | 14:06
pubblicato il 29/gen/2011 17:48

Inaugurazione anno giudiziario a Palermo: mafia non è sconfitta

La carenza di personale si traduce in lentezza dei processi

Inaugurazione anno giudiziario a Palermo: mafia non è sconfitta

La strada per sconfiggere la mafia è ancora lunga. Molti risultati si sono ottenuti. Ma pare quasi che lo Stato posi le sue armi migliori proprio quando sta vincendo": lo ha detto il procuratore di Palermo, Francesco Messineo, intervenuto alla cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario. "A Palermo, ad esempio - ha spiegato Messineo - in procura mancano 18 pm e presto molti colleghi decadranno dalla Dda facendo venir meno la loro importante memoria professionale". "Siamo consapevoli che la cronica carenza di personale si traduce in un'eccessiva lentezza dei processi, finendo per ledere i diritti dei cittadini" ha aggiunto il rappresentante del Csm, Tommaso Virga. Tra i dati emersi oggi il raddoppio in un anno delle intercettazioni a Palermo e l'aumento del 96% dei reati di mafia nel distretto della Corte d'Appello di Caltanissetta.

Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia