sabato 21 gennaio | 18:40
pubblicato il 12/gen/2017 18:24

Inapplicabili a Europarlamento sanzioni M5s per chi cambia gruppo

La multa da 250mila euro chiesta da Grillo configurerebbe riconoscimento vincolo mandato vietato come in Italia

Inapplicabili a Europarlamento sanzioni M5s per chi cambia gruppo

Bruxelles, 12 gen. (askanews) - La pretesa dei vertici del M5s di costringere alle dimissioni o, in alternativa, a pagare una sanzione di 250.000 euro, gli eurodeputati del Movimento eletti nel 2014 che hanno deciso di cambiare gruppo politico di appartenenza, come hanno fatto ieri Marco Affronte e Marco Zanni viola le regole vigenti nel Parlamento europeo, oltre a contrastare con l'articolo 67 della Costituzione italiana sull'assenza di vincolo per il mandato parlamentare. Lo hanno ricordato oggi a Bruxelles fonti qualificate dello stesso Europarlamento.

Diverse le norme che vengono fatte presenti. L'Articolo 2 del regolamento del Parlamento europeo in vigore in questa ottava legislatura (2014-219) è intitolato "Indipendenza del mandato", e recita: "I deputati al Parlamento europeo esercitano liberamente il loro mandato. Non possono essere vincolati da istruzioni né ricevere alcun mandato imperativo". Inoltre, l'Articolo 2 del "Codice di condotta" per i parlamentari europei precisa: "Nel quadro del loro mandato, i deputati al Parlamento europeo (...) non concludono alcun accordo in virtù del quale agiscono o votano nell'interesse di qualsiasi altra persona terza, fisica o giuridica, che potrebbe compromettere la loro libertà di voto quale sancita dall'articolo 6 dell'Atto del 20 settembre 1976 relativo all'elezione dei rappresentanti al Parlamento europeo a suffragio universale diretto e dall'articolo 2 dello Statuto dei deputati al Parlamento europeo".

L'Atto del 1976 citato è il testo legislativo che regola tutta l'elezione diretta del Parlamento europeo (inclusa legge elettorale e incompatibilità). "Si tratta di un testo di diritto pubblico internazionale, che quindi - hanno sottolineato le fonti dell'Europarlamento - prevale su un contratto privato nazionale o anche su una legge nazionale". Inoltre, il testo dell'Articolo 6 dell'Atto del 1976 ("Atto elettorale") recita: "I membri del Parlamento europeo votano individualmente e personalmente. Essi non possono essere vincolati da istruzioni né ricevere mandato imperativo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4