venerdì 24 febbraio | 20:49
pubblicato il 18/feb/2014 12:00

In Spagna catena di ristoranti "Mafia",Pd propone forte protesta

Anzaldi: 'Istituzioni Italia e Ue alzino voce: mafia aberrazione'

In Spagna catena di ristoranti "Mafia",Pd propone forte protesta

Roma, 18 feb. (askanews) - Il deputato del Pd Michele Anzaldi chiede alle istuzioni italiane e Ue, a partire dalle rispettive commissioni Antimafia, di protestare per la diffusione in Spagna della catena di ristoranti "Mafia". "Oggi, dalla prima pagina di un noto quotidiano apprendiamo che in Spagna, dal 2000 esiste una catena di ristoranti che si chiama 'Mafia', 34 locali disseminati in tutta la nazione, un luogo espressamente studiato per accogliere famiglie, disseminato di fotografie di boss sanguinari, dove anche i seggioloni per i bambini hanno sopra l'immagine di Vito Corleone. Un'azienda che tra l'altro patrocina anche gare sportive, rigorosamente intitolate alla mafia e sponsorizzate in joint venture con un marchio attento all'immagine come Coca Cola. Un business dal successo inarrestabile, grazie anche, come ha dichiarato il responsabile della Comunicazione, alla totale assenza di proteste ufficiali da parte del nostro Paese, un assordante silenzio che dura da 14 anni. Sarebbe opportuno - ha affermato in una dichiarazione Anzaldi - che dalle istituzioni interessate, nazionali ed internazionali, ministri, la presidente Rosy Bindi e la presidente Sonia Alfano, arrivasse un'inequivocabile presa di posizione su questo presunto silenzio assenso vantato dall'azienda spagnola, nel rispetto di tutte le vittime, dei loro familiari e di tutti coloro che quotidianamente sono impegnati nella lotta alla mafia". "La lotta alla mafia - ha aggiunto- passa anche dal contrasto al commercio di gadget che inneggiano a noti boss, di panini che portano il nome di giudici e magistrati uccisi, di pizzerie e ristoranti che trasformano un'organizzazione criminale in un brand di successo". E "sarebbe bene poi ricordare tutti, istituzioni nazionali ed internazionali e mondo della comunicazione, che se si è riusciti a fare un primo passo nella lotta alla mafia lo si deve a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino e anche alle grandi iniziative messe in campo dopo la loro morte, una tra tante, quella dei lenzuoli bianchi". "Forse - ha proposto il deputato Pd- sarebbe il caso di mettere in atto una vasta operazione di volantinaggio davanti a questi locali spagnoli, distribuendo alle famiglie che entrano la fotografia di quel bambino che amava andare a cavallo e che la mafia ha strangolato e sciolto nell'acido. Perché la mafia - conclude Anzaldi - non è quella dei film di Coppola, la mafia è aberrazione e non possiamo accettare che diventi il marchio dell'Italia nel mondo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech