mercoledì 22 febbraio | 09:44
pubblicato il 26/mar/2011 18:03

In piazza contro acqua privata e nucleare,sfila anche popolo pace

Per le vie della Capitale le 'gheddafine': Stop bombe in Libia

In piazza contro acqua privata e nucleare,sfila anche popolo pace

Roma, 26 mar. (askanews) - In piazza contro l'acqua 'privata' e il nucleare, ma anche "contro le bombe in Libia". Promotori dei referendum del 12 e 13 giugno, ambientalisti, sindacalisti, rappresentanti di partiti hanno sfilato nel pomeriggio per le vie di Roma. A loro si è unito anche un gruppo di ragazze, le 'gheddafine' che lo scorso anno sono state assoldate per partecipare a una serata organizzata in onore del leader libico Gheddafi: sono scese in piazza anche loro per dire "Stop alle bombe in Libia", "We Love Libya" e ancora "No alle bombe 'umanitarie', apriamo un canale diplomatico". Le 'gheddafine' si sono unite alla manifestazione ecologista e pacifista nella capitale cui - secondo le stime degli organizzatori - hanno preso parte circa 20.000 persone. "Un grande successo di popolo. Un risposta forte a chi vuole privatizzare l'acqua e riportare il nucleare in Italia", hanno sottolineato le oltre 70 associazioni del Comitato 'Vota Sì per fermare il nucleare' esprimendo la loro soddisfazione per una manifestazione "imponente, gioiosa, che guarda al futuro, non come il programmi atomici del governo". In piazza c'erano, tra gli altri, rappresentanti di Italia dei valori, Pd, Sel e Federazione della Sinistra. "Per confermare il nostro 'no' convinto alla privatizzazione dell'acqua e al ritorno del nucleare in Italia. Questo grande corteo - hanno spiegato i dipietristi - rappresenta tutti quei cittadini che ritengono necessario difendere un bene pubblico dagli interessi delle lobby e vogliono bocciare il piano criminale del governo, che prevede la costruzione di 13 centrali nucleari su tutto il territorio nazionale". "Diversi di noi - ha detto Vincenzo Vita del Pd - sono stati alla manifestazione per l'acqua pubblica, condividendo l'impegno per la campagna referendaria. Anche sul nucleare non dovrà mancare un appoggio forte e convinto". "Il Pd - hanno fatto eco il senatore Roberto Della Seta e il presidente Ecodem Fabrizio Vigni - ha contrastato dall'inizio l'idea berlusconiana di riportare in Italia le centrali nucleari. Dopo la tragedia giapponese, ribadiamo con ancora più forza il nostro no all'energia atomica e sosteniamo il referendum di giugno: il nucleare sicuro è sempre stato una bugia, il futuro è nell'innovazione legata all'efficienza enegetica e alle fonti pulite".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%